Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Theo - Storia del cane che guardava le stelle

Anomalia Teatro
Regia: Amedeo Anfuso
Drammaturgia: Debora Benincasa
Attori: Marco Gottardello
Trailer: Link
Anno: 2019

"Quando muore un eroe, per quanto tempo viene ricordato?
E la spalla dell'eroe? Per quanto tempo viene ricordata?"

Dietro la porta c’è una piccola stanza con il pavimento in legno, i muri azzurri, e poco altro: un paio di sedie, un tavolino e un letto lungo la parete. Sopra il letto c’è un uomo che muore solo, vinto dalla fatica, dalle delusioni e dai continui fallimenti. Quest’uomo è un semplice sconosciuto, per ora. Quest’uomo è un genio assoluto e incompreso, eccentrico rivoluzionario dell’arte del suo tempo. Quest’uomo è Vincent van Gogh. Ma il mondo non lo piangerà, per ora.

Lo piange l’unica persona che per prima ha capito il suo talento, che da sempre lo considera un genio e il suo eroe personale: Theo. Il fratello minore che nell’ombra lo ha supportato per tutto questo tempo, contro tutto e tutti, nonostante il fallimento annunciato, nonostante la luce in fondo al tunnel non sia mai esistita. Theo, la spalla dimenticata dell’eroe, che crede fino all’ultimo in quella piccola luce, che tenta di emergere dall’oblio tirandosi dietro il fratello raccontando la sua versione, Theo che ora non potrà far altro che arrendersi e prepararsi al funerale del suo eroe, abbandonato da tutti.

L’unico a dargli ragione sarà il tempo, quando il tempo stesso sarà ormai scaduto.

Altri crediti: Scenografia di Alessandro Rivoir

Produzione: Anomalia Teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Spazio scenico necessario: larghezza 6mt; profondità 4mt
Scenografia: in scena è presente una piccola quinta in legno, lunghezza 180cm,
altezza 140 cm. Sono presenti inoltre due sgabelli e due lampade, collegabili al
mixer luci o a una ciabatta con interruttore in dotazione alla compagnia

Impianto luci
Impianto luci richiesto: lo spettacolo utilizza principalmente un piazzato caldo e
uno freddo. Se presente viene usata anche una pioggia. È comunque adattabile
anche a configurazioni tecniche minime.

Impianto audio
Necessità di collegare computer a impianto di amplificazione per le tracce audio.
Possibilità di usare microfono ad archetto, in dotazione alla compagnia.

Tempo montaggio
Montaggio: 60 minuti
Smontaggio: 30 minuti

Referente tecnico
Amedeo Anfuso, 335 1770300
Anomalia Teatro è una compagnia nata a Torino nel 2016. È un gruppo di artisti che si prende cura di tutti gli aspetti creativi, produttivi e distributivi dei propri spettacoli, portando avanti ogni giorno un’idea di teatro che sia orgogliosamente popolare.

ANTIGONE – monologo per donna sola
Il nostro primo spettacolo, quello che ci ha fatto conoscere al pubblico e iniziare quest’avventura. La piccola Antigone ha visitato un po’ tutta l’Italia, tra teatri e licei, ed è volata oltreoceano grazie all’Italian Theatre Festival di New York. Il testo dello spettacolo è stato pubblicato dalla casa editrice SuiGeneris, e ha vinto il Premio Mauro Rostagno 2019 alla drammaturgia.

Theo – Storia del cane che guardava le stelle
Un altro monologo, a due anni di distanza dal primo, sta muovendo i primi passi nella stagione 2019/20, dopo un debutto col botto al Torino Fringe Festival. La storia di Theo Van Gogh, spalla silenziosa e fedele del fratello Vincent, ci ha dato lo spunto per per parlare di chi sta dietro agli eroi, relegati a poco più che semplici comparse, dimenticate dalla Storia.

Era meglio nascere topi
Quasi due anni di studio del popolo Rom, la minoranza più odiata e discriminata, per arrivare a scrivere uno spettacolo sul nuovo razzismo, su chi lo stereotipo lo porta avanti giorno per giorno. Iniziamo la creazione con il sostegno di Re.Te. Ospitale e del Teatro Studio Uno. Nel 2019 lo spettacolo vince l’ottava edizione del Premio CrashTest, e si prepara a debuttare a Torino nel 2020, all’interno della stagione del Teatro Stabile.

Oltre agli spettacoli la compagnia si dedica alla formazione con diversi corsi annuali di improvvisazione, teatro e scrittura scenica.

Anomalia Teatro è legata a doppio filo fin dagli esordi a Nachos, studio grafico torinese che si occupa di rendere scintillante ogni locandina, ogni trailer e ogni pagina di questo sito.

Questa piccola famiglia continua a lavorare a nuovi progetti e produzioni, per raggiungere sempre più spettatori, ed emozionarsi con loro.