Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

L4C 2.0 - Los 4 Cobre

Theatre DeGart
Regia: Dandy Danno & Diva G
Drammaturgia: Daniele Segalin , Graziana Parisi
Attori: Segalin D. - Parisi G. - Sabato F. - Silvia B.
Trailer: Link
Anno: 2018

Lo spettacolo è rivolto al pubblico delle famiglie e riguarda un problema esistenziale del mondo d’oggi, la nostra fobia a rimanere attaccati al telefonino e la nostra continua volontà di vivere “connessi”.
Cerca, in chiave comica, di affrontare questo argomento e di sensibilizzare il pubblico per dimostrare ridendo, che la vita non è solo davanti ad uno schermo.
E’ uno spettacolo che nasce da un' esperimento un po' folle, come del resto folli sono i protagonisti di questo progetto. L'intento è quello di fondere due tecniche teatrali: il linguaggio delle maschere e il teatro fisico, del clown e della comicità visuale. Il vero punto d'incontro è la vena comica, lo scopo di fare ridere in modo semplice, senza volgarità e senza l'uso della parola, indossando una maschera con un carattere... La vera sfida è questa che ha stimolato i creatori in questo montaggio atipico e un po’ folle.
I Los 4 Cobre sono una famiglia che ha perso la sua identità, persi nel mondo virtuale dal quale a fatica si distaccano e rappresentano una parte importante della società che si trova alla deriva in mezzo a una tempesta mediatica, dove la maggior parte del tempo e delle energie vengono spesi nell’utilizzo della rete, modificando così le relazioni, gli affetti e i comportamenti.
Grazie all’intervento fantasioso e grottesco del padre si distaccano per dedicarsi a semplici attività che diventano però sane soluzioni alla loro condizione di noia e dipendenza dalla rete.
Osservare questi quattro personaggi, ti fa cogliere quanto ricca è la vita fuori dallo schermo, ridere dei propri difetti e con ironia essere autocritici... sì questa può essere una formula per superare questa tempesta !
- Vincitori del Premio miglior spettacolo al Premio Città di Leonforte
- Miglior attore protagonista al Premio Città di Leonforte
- Special Guest al Clown&Clown festival 2019
- Special Guest al Festival Internacional de Teatro Comico de Maia 2019
- Ospiti speciali fuori concorso al 72° festival d'arte drammatica di Pesaro 2019

Altri crediti: Studio scenografico : Arch. Odette Rigano & Arch. Elena Arcidiacono
Effetti speciali : Show Concept
Tecnici : Intelisano G. & Ferrau P.

Produzione: THEATRE DEGART

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    STAGE MIN. SIZE : 8 mt X 6 mt X 4 mt
    total darkness is required Black - blackdrop and 4 or 6 wings
    this show requires the stairs to easily access from the stage to the stalls
    space of the backstage minimum 1 mt


    Impianto luci
    10 PCs 1000 watt
    1 profile spot 1000 watt
    10 Par Led RGBW 7 ch
    stalls lighting controlled by DMX
    3 fog machines FAZE
    1 smoke machines FROG
    1 or 2 wind machine

    one flybar (for frontal lighting and final effect)
    1 socket 220 + 1 DMX right side on stage
    1 socket 220v on the backstage

    Impianto audio
    Speakers (with enought power for a good quality of sound)
    2 monitor on the stage

    Tempo montaggio
    montaggio incluso check sound : 6 h
    smontaggio : 2 h

    Referente tecnico
    Giorgio Intelisano
    Insieme nella vita comune come sulla scena, Daniele Segalin e Graziana Parisi si sono incontrati più di 10 anni fa.
    Lui, originario di Vicenza, viene dal mondo dei clown del circo. E’ stato portagonista di numerose tournée internazionali con i più grandi circhi italiani (Fam.Togni ) esibendosi in tutto il modo (Francia,Indonesia,Brasile,Italia e Paesi Arabi e NordAfricani). Inserito nel 2015 tra i 100 comici più divertenti del mondo (fonte Clownblogspot).
    Lei, originaria della Sicilia (nata a Giardini Naxos), dopo i suoi studi di lingua ha lavorato all’estero. Creatrice di spettacoli, di costumi, coreografa e regista di spettacoli, viveva in un mondo parallelo.
    Lui, Augusto sulla pista, Lei, clown bianco ; questi due erano fatti per incontrarsi tanto sono complementari.
    Nati nel teatro, ma con molteplici esperienze (circo, gala, dinner-show, teatro di strada)
    Insieme hanno dato vita all’Associazione Theatre Degart, che ha come scopo quello di far scoprire al pubblico il gusto autentico del ridere attarverso un progetto chiamato « Contaminazione Artistica ».
    Fare ridere è un mestiere, è un’arte. E loro la esercitano con impegno costante, senza volgarità, con la sola intezione di condividere, e questa è la vera contaminazine.
    Ridere fa bene alla salute e l’ambizione di Daniele e Graziana è di trasmettere al pubblico il loro pensiero positivo attraverso la comicità.
    Per otto anni hanno gestito la direzione di un teatro in Italia, presentando spettacoli di ogni genere. Poi arriva il desiderio di formare il duo « Dandy Danno e Diva G »
    Per la creazione di « A Clown fairytale » il duo ha beneficiato di un supporto ineguagliabile con l’incontro dell’inimitabile Jango Edwards, re indiscusso dell’assurdo e della follia, il quale ha curato la regia dello spettacolo.
    Tante le loro collaborazioni con altre produzioni artistiche, ma l' intento è sempre quello, mettere il proprio talento al servizio del sorriso e del "pensiero positivo".