Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Abattoir Blues

Luigi Ciotta
Regia: Adrian Schvarzstein
Drammaturgia: Luigi Ciotta
Attori: Luigi Ciotta
Trailer: Link
Anno: 2020
Adatto a: per tutti
Quando è stata l'ultima volta che vi siete divertiti vedendo degli animali al macello?
Abattoir Blues è l’ultimo spettacolo della Trilogia dell’Abbondanza. Dopo gli sprechi alimentari (Funky Pudding – 2009) e l’abuso di zuccheri (Sweet Dreams – 2014) Luigi Ciotta porta nuovamente all’attenzione dello spettatore un tema caldo dei nostri tempi: il maltrattamento degli animali negli allevamenti intensivi e il rapporto ambivalente con la carne, ai giorni nostri caratterizzato da sempre nuovi tabù. Anche questa volta non si vuole puntare il dito contro qualcuno. Il tema è l’uomo con le sue contraddizioni e debolezze nell’affrontare i sentimenti più oscuri della sua anima, della sua parte più bestiale, rappresentata appunto dal suo rapporto con gli animali in scena. Tutto questo in chiave comica, grottesca e surreale, secondo le regole del buffone e del clown. Lo spettacolo unisce teatro di figura, circo, teatro fisico, magia e comicità in una dimensione in cui le parole cedono il passo a suoni, versi e rumori, sia registrati che dal vivo. In questo modo un tematica così pesante risulta accessibile ad un pubblico vasto.

Generi: Teatroragazzi (8-99), Prosa, Figura

Tags: Teatro Fisico, Circo, Magia, Clown, Teatro Comico, Satirico, Animali, Cibo

Altri crediti: Scenografia: Yasmin Pochat e Augusta Tibaldeschi
Costumi: Roberta Vacchetta
Luci e Suono: Luca Carbone

Coproduzione:
C.IT.A sooc. coop
Fondazione Cirko Vertigo
Festival Mirabilia
Veregra Street Festival
Bando Move! Piemonte dal Vivo
Latitude 50
La Roseraie
Maison Culturelle d’Ath
La Belle Rue Festival
Kunsten op Straat

Progetto Vincitore “Orango Bando 2018” – Cooperativa Italiana Artisti
Premio Emilio Vassalli 2019 - Festival Circonferenze - Rho (MI)

Produzione: Le Musichall - Torino

File scaricabili:
ABATTOIR.BLUES_Luigi.Ciotta_DOSSIER_IT.pdf

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Luigi Ciotta è un attore di teatro, clown, buffone ed artista di strada. Nato a Palermo nel 1979, si trasferisce a Bologna nel 2000 per frequentare l’università dove si laurea al D.A.M.S.con una tesi in storia dell’Arte medioevale.
La passione per il teatro lo spinge a trasferirsi a Torino, dove frequenta il corso professionale della Performing Art University (Teatro Fisico, Metodo Lecoq) diretta da Philip Radice. In questi stessi anni studia inoltre circo presso la Flic di Torino.
Dal 2005 in poi si esibisce in tutto il mondo all’interno dei più importanti Festival di Teatro e Teatro di Strada, con i suoi spettacoli originali. Nel 2009 vince il concorso Cantieri di Strada per la categoria “One-Man Show” della FNAS (Federazione Nazionale Artisti di Strada), con lo spettacolo Funky Pudding. Nel 2014 vince nuovamente questo premio con lo spettacolo Sweet Dreams. Dal 2016 conduce workshop di clown e porta in tutta Europa ed oltre le sue produzioni tra comicità, teatro fisico e circo: Tutti in Valigia (Everything in a Suitcase), Sweet Dreams, Funky Pudding, Shoeshine, La Nasca e Abattoir Blues.
Luigi Ciotta ama il teatro popolare che mette in relazione diretta l’attore e coinvolge un pubblico eterogeneo; lo spettacolo diventa dunque un incontro possibile con tante persone differenti quanto le loro individualità.