Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

CENERENTOLA IN BIANCO E NERO

PROSCENIO TEATRO
Regia: Marco Renzi
Drammaturgia: Marco Renzi
Attori: Mirco Abbruzzetti, Simona Ripari
Trailer: Link
Anno: 2018

Cenerentola è certamente una delle storie più conosciute e raccontate al mondo, la sua origine si perde nella notte dei tempi, si dice che provenga dalla Cina ma altri sostengono che fosse conosciuta già nell'antico Egitto. La prima testimonianza italiana si deve a Giambattista Basile che la riporta nel suo “Lo Cunto de li Cunti” (1635), mentre le più fortunate e conosciute versioni in occidente sono quelle che ci sono arrivate da Charles Perrault (1697) e dai Fratelli Grimm (1822), scritture per molti versi simili ma con importanti differenze, soprattutto nel finale.
La nostra visitazione prende spunto proprio da queste incredibili e diverse maniere di far concludere la vicenda, da una parte Perrault, che perdona le malefatte della matrigna e delle sue figlie e che vede addirittura Cenerentola accoglierle nel Palazzo dove era andata in sposa con il Principe, idea ripresa poi da Walt Disney nel suo celeberrimo film d'animazione (versione bianca). Dall'altra la “zampata” dei Fratelli Grimm, che invece puniscono severamente le sorellastre, facendole accecare da due colombi nel giorno delle nozze di Cenerentola (versione nera).
Lo spettacolo racconta fedelmente la vicenda, attraversando i momenti più cari e noti al pubblico di ogni età, ci sarà in scena Cenerentola in carne ed ossa, col suo vestito sporco di cenere e con quello sfavillante con cui si presenta alla festa, ci sarà il Principe, la scarpetta abbandonata e tutto il resto. Non mancheranno, come tradizione della compagnia, pupazzi animati, situazioni divertenti e coinvolgimento diretto del pubblico.
Quella di Cenerentola è storia di mondi magici, di straordinari rapporti con la natura e gli animali, ma è anche storia di una profonda ingiustizia, di riscatto, di prepotenze sconfitte, del bene che trionfa sul male. Tutti, chi prima e chi dopo, abbiamo subito nella nostra vita dei torti, si comincia già a scuola con il triste fenomeno del bullismo, e tutti abbiamo sognato di avere giustizia, questo ci permette un'immediata identificazione con le vicende di Cenerentola, siamo dalla sua parte sin dall'inizio, lo siamo stati per secoli e continueremo ad esserlo ancora.



Altri crediti: musiche originali:Giuseppe Franchellucci, Marco Pierini - Costumi: Valentina Ardelli - Pupazzi: Lucrezia Tritone - scene: Giacomo Pompei

Produzione: Proscenio Teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Palcoscenico: dimensioni minime 6 mt larghezza – 4,5 mt profondità
    dimensioni ottimali 9 mt larghezza – 6 mt profondità

    Lo spettacolo può essere effettuato anche senza l'utilizzo del palcoscenico ed anche in situazioni prive di oscurabilità o pomeridiane nella stagione estiva, in questo caso basterà una presa di corrente 220 V monofase 3Kw

    Impianto luci
    Carico elettrico: 15 Kw 380 V
    Autonomi per quel che concerne luci e fonica

    Impianto audio
    Autonomi per quel che concerne luci e fonica

    Tempo montaggio
    Montaggio 3 h
    Smontaggio 1 h

    Referente tecnico
    RS PROJECT 333 4242544
    “Proscenio Teatro” nasce ufficialmente nell’estate del 2016, dall’incontro tra due professionisti, Stefano Tosoni e Marco Renzi, che operano da decenni nel settore del teatro e degli spettacoli dal vivo. All’interno di questa nuova forma societaria, li ritroviamo entrambi come direttori artistici: Stefano Tosoni per il settore formazione, teatro di prosa e non solo, Marco Renzi per quello che riguarda il teatro ragazzi, eventi e festival correlati.
    Stefano Tosoni è attore professionista dal 2000, è socio fondatore della compagnia “Vicolo Corto – Hangar Cult Lab” di Ancona e nel 2007 ritorna nelle lande fermane, dove da vita, con la sorella Francesca, all’associazione culturale Proscenio (2011). In questi anni l’associazione incrementa progressivamente il suo operato, occupandosi di formazione attraverso un laboratorio permanente di teatro, di consulenze artistiche e direzione di rassegne e progetti per il comune di Porto San Giorgio, nonché di produzione di spettacoli professionali, che ottengono diversi riconoscimenti a livello regionale e nazionale. Da qui la voglia di crescere e strutturarsi ancora più professionalmente come realtà teatrale di produzione e formazione, da qui il fortunato incontro con Marco Renzi, direttore artistico prima di “Teatri Comunicanti” e poi di “Eventi Culturali”, ideatore e fondatore del Festival “I TEATRI DEL MONDO” di cui ha curato la direzione artistica dal 1990 al 2016, un’autorità nell’ambito del teatro ragazzi, dove vanta un’esperienza quarantennale, autore di numerosi testi, libri e spettacoli, molti dei quali hanno ricevuti importanti riconoscimenti a livello nazionale.
    E da questa alchimia tra due persone che si stimano professionalmente, che operano nello stesso ambito, ma in settori distinti che però possono integrasi e potenziarsi a vicenda, nasce la volontà di imbarcarsi in questa nuova avventura, la PROSCENIO TEATRO S.r.l.s., una nuova realtà che ambisce a divenire punto di riferimento, nelle Marche e non solo, per tutto ciò che concerne il teatro, l’arte, gli spettacoli dal vivo e in genere quel desiderio di massiccio espansionismo e colonialismo umanistico che speriamo di continuare a portare avanti nel migliore dei modi.