Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Fil Rouge

Collettivo L'Amalgama
Regia: Regia Collettiva
Drammaturgia: Drammaturgia Collettiva
Attori: Caterina Bernardi, Angelica Bifano, Federica Di Cesare, Clara Mori, Miriam Russo
Trailer: Link
Anno: 2017

Le cinque attrici del collettivo L’Amalgama si sono trovate a riflettere sul tema dell’identità femminile: che cosa significa essere donna, moglie, madre, figlia, compagna, studentessa, casalinga, lavoratrice, artista, attrice, amante, sognatrice?
Considerata la vastità del tema e la voglia di affrontarlo in un modo che fosse per loro significativo e non retorico, queste giovani donne hanno messo sul tavolo delle loro ricerche prima di tutto le esigenze individuali. Questo ha fatto emergere aspetti molto diversi attinenti alla tematica femminile. L’eterogeneità delle scelte delle cinque attrici è diventato il loro punto di forza, un fil rouge che si è materializzato nell’unione fra vicende personali e di fantasia. Ciascuno di questi cinque spaccati nasce dalla curiosità di esprimere artisticamente il sentirsi donna di ognuna.
Queste urgenze hanno trovato, in prima battuta, dei corrispettivi nella letteratura drammatica e di prosa: da Vuoi star zitta, per favore? di R. Carver, alla stand-up comedy Disturbo ossessivo-compulsivo di N. Hilborn a Girls di H. Pinter, fino a Una stanza tutta per sé di V. Woolf. Successivamente è stato fatto un lavoro di scrittura autonoma originale. Si è così arrivati ad una composizione drammaturgica originale: un esperimento di assemblaggio teatrale che cerca di restituire, senza una pretesa di esaustività, un’impressione di donna. È uno spaccato che attraversa ciò che significa ‘nascere donna’ per puro caso: un universo di desideri, incontri, passioni, ossessioni, abbandoni, sconfitte, affetti, delicatezze, erotismi, sogni, ideali. Forse, amore.
Siamo in un palazzo e quelle che vediamo in scena sono cinque vicine di casa, in cinque piani diversi di uno stesso condominio. Al centro ci sono pianerottoli e ascensore, fulcro d’attrazione, luogo e momento di scambio dialogico tra le donne. Queste donne si conoscono? Perché sono lì? Non ci vorranno raccontare le solite storie sulla parità dei sessi e sull’evidente superiorità intellettuale femminile?
Emergono, di tanto in tanto, momenti di solitudine e di libertà che permettono al pubblico di entrare in punta di piedi nelle segrete stanze di queste donne.
Gli uomini, in questo panorama, sono delle presenze assenti. Per parlare davvero della femminilità non si può ignorare la sua controparte maschile, che emerge in questo lavoro come evocazione, e come inevitabile termine di paragone e di confronto.

Produzione: Collettivo L'Amalgama

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Spazio Ottimale: 6x6x3

Spazio Min.: 4x3.5x3

Impianto luci
- Mixer luci con minimo 4 canali e relativi dimmer
- 2 piantane per luci esterne o americana frontale
- 6 fari par, luce calda, posizionati in modo da illuminare tutta la scena (4 frontali, 2 tagli)
- 1 sagomatore da posizionare nella metà sx del palco
- Cavi e prolunghe necessari

Lo spettacolo può essere realizzato anche con un impianto minimo che permetta di realizzare un piazzato caldo, un contro, e uno spot

Impianto audio
- 1 impianto audio con casse di amplificazione in numero e tipologia idonei all’ambiente (uscita USB o jack)

Tempo montaggio
Tempi di montaggio: 1 h
Tempi di smontaggio: 30 min
Inizio montaggio e prove: si richiede la possibilità di entrare nello spazio almeno 4 ore prima dell’inizio dello spettacolo

Referente tecnico
Caterina Bernardi
3298161045 – apolloniapolloski@gmail.com
Il Collettivo L'Amalgama è composto da cinque attori e cinque attrici, che si sono conosciuti e formati presso la Civica Accademia d'Arte Drammatica ‘Nico Pepe’ di Udine nel triennio 2013-2016, sotto la guida di registi e pedagoghi di livello internazionale. Dieci compagni diversi per esperienze, stili e provenienze che sanno però trovare nell'amalgama degli elementi la loro forza dirompente. Il desiderio di concretizzare alcuni tra i progetti nati all’interno dell’Accademia e di realizzarne di nuovi ha spinto questi giovani attori a continuare a lavorare insieme. Ribellioni Possibili è il loro primo spettacolo autonomo, nato durante il dicembre 2015 in accademia, col sogno di portare al pubblico l'utopia di un'unione e di una piccola ribellione sociale.Il testo è stato messo in scena dal collettivo nel corso del 2016 in varie cornici, tra cui la rassegna Off del Venice Open Stage. Fil Rouge (ora Fil Rouge - Non è così che me lo immaginavo) è il secondo lavoro dell'Amalgama. Questa drammaturgia originale, portata in scena dalle cinque attrici del Collettivo, esordisce in forma di studio nel febbraio 2017, partecipa a rassegne e festival quali Calendidonna (UD) e IT-Festival. È vincitore della III° edizione di INTRANSITO 2017 (Teatro Akropolis e il Comune di Genova).Saduros è l’ultima produzione della compagnia, ancora in fase di sviluppo. Lo studio vede in scena due attori e un dramaturg del Collettivo.Vince il FESTIVAL EXPOLIS del Teatro della Contraddizione (MI) nel luglio 2018. Il Collettivo nell'Estate 2017 prende parte a MICROFESTIVAL, Festival transfrontaliero di arte performativa relazionale Microfestival curato dall’associazione Zeroidee e con la supervisione artistica del regista Andrea Collavino. Nel Maggio 2018 invece cura la direzione artistica del festival milanese Mi Porti a Lambrate?, che ha visto esibirsi giovani talenti del panorama teatrale nazionale.