Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

TI AMO DA MORIRE

Compagnia dei Piccoli
Regia: Alessia Bianchi, Mattia Cabrini, Daniele Carrara
Drammaturgia: Alessia Bianchi, Mattia Cabrini, Daniele Carrara
Attori: Alessia Bianchi, Mattia Cabrini, Daniele Carrara
Trailer: Link
Anno: 2018
Adatto a: per tutti


Generi: Prosa

Tags: relazione, violenza, uomo, donna, solitudine

“Ti amo da morire” è il grido di uomo che desidera amare, ma non ci riesce; è un pensiero
sussurrato all’orecchio detto tra un bacio e l’altro. È l’immagine di un amore complesso,
difficile ma che vuole tornare ad essere leggero.
Un testo e uno spettacolo che nasce da una domanda: perché?
Perché in una coppia che condivide la casa, il letto, la tavola, il tetto, la vita intera, accade che uno dei due debba subire violenza. Un fenomeno che ci lascia smarriti e senza parole. Da qui la nostra esigenza di raccontare per cercare una risposta, ma presto abbiamo capito che una sola risposta non esisteva e così ci siamo affidati ai nostri gesti, alle nostre parole per tentare di esprimere con delicatezza la complessità di questo tema, individuando proprio nell’uomo il nostro agente e il nostro protagonista.
Tuttavia, non potevamo prescindere dalla relazione che volevamo fosse in grado di parlare a molti. Così, per fare tutto ciò, abbiamo messo in scena un lui e una lei come tanti, che senza una sola storia precisa provano a scivolare da una scena all’altra tenendo insieme tante storie. Quelle che sentiamo alla TV, quelle che appartengono sempre ad altri, quelle della porta accanto, quelle che ci fanno strizzare gli occhi dalla paura e che non vorremmo mai vivere. Perché lì da qualche parte, troviamo nostro malgrado, un nostro agire.

Altri crediti: con la collaborazione di Messinscena Teatro

Produzione: Compagnia dei Piccoli

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

La “Compagnia dei Piccoli” è un’associazione di promozione nata a Cremona il 15 dicembre 2015 dal desiderio di un gruppo di giovani.
Essa in particolare si propone di:
- promuovere l’arte, nelle sue diverse forme, come momento di riflessione creativa;
- offrire agli associati opportunità di espressione ed esperienze di approfondimento su temi di interesse comune;
- promuovere tra i cittadini, con particolare attenzione alla fascia scolare e giovanile, riflessioni su tematiche esistenziali e civili;
- promuovere l’incontro tra diverse culture e generazioni.

Da anni la Compagnia dei Piccoli, grazie alla collaborazione con altre associazioni, enti e istituzioni si occupa di realizzare:
- spettacoli teatrali;
- laboratori;
- proposte formative;
- eventi culturali e iniziative di raccolta fondi;
- performance / reading.

Pièce teatrali ideate e realizzate:
-​Come una conchiglia di montagna​, che racconta il tema della genitorialità.
-​Piero. Poetiche di guerra,​ rilettura - attraverso testi, musiche e danze - della canzone di Dé André ​La guerra di Piero​. La storia di un uomo che affronta il dramma della guerra. -​Quel Caino di mio fratello,​ spettacolo sulla misericordia realizzato in collaborazione con l’Ufficio diocesano di Pastorale giovanile. -​Riflessi,t​reragazzicercanosestessioltrelospecchio.Inunmondocheliincasellaeli misura per comprenderli, semplificarli, proteggerli, commercializzarli.
-​Bandiera​, una lettura danzata tratta dal libro ​Bandiera di Mario Lodi; la storia di una foglia che non vuole staccarsi dal suo ramo. I destinatari sono i bambini e le loro famiglie. -​Abracadacqua,i​l Dottor Pozzoe e Acquadotto raccontano l’equilibrio degli elementi sul Pianeta e il ruolo primario dell’acqua.
- Ti amo da morire​, il racconto di una violenza, il punto di vista del grido disperato di un uomo che desidera amare, ma non ci riesce.