Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Gemma

Marta Lucchini
Regia: Marta Lucchini
Drammaturgia:
Attori: Marta Lucchini
Anno: 2018

“La capra sul fondo di me
non vuole dormire.
Cammina per i miei greppi
solleva quel buio e ne scopre
ancora. Più fondo.
Al centro di me
una bestiola accucciata si sveglia
e respira il silenzio che nel giorno
è mancato. Respira. A suo modo
canta.
[…]
Non è bestia nera ma piccola
bestia di luce che sta nella vita
un po’ stretta per lei.”
M. Gualtieri

Gemma in botanica indica l’abbozzo del germoglio, in zoologia, il primo abbozzo di un nuovo individuo, infine la gemma nei mammiferi è l’accumulo di elementi cellulari dal quale trae origine l’embrione. Gemma è pietra preziosa, è il nome di mia nonna ed io sono la sua discendenza.

Gemma è un assolo danzato, una minuta liturgia di trasfigurazioni.
In scena un corpo che cerca la sua forma, attraversa stati differenti dell’essere immergendosi in luoghi simbolici che le sono grembo: dall’eterico al terrestre, passando per l’acquatico e l’arboreo, fino a raggiungere la sostanza umana e danzare la fragilità dei suoi passi sulla terra.
Gemma è un giardino interiore di memorie in metamorfosi: visioni che si concretano, vestizioni e svestizioni che mettono a nudo con precisione il corpo e la sua anatomia, che è racconto di vita.
Gemma si trasforma, si incarna pian piano a partire da ciò che siamo stati: divinità mitiche, insetti, animali, uomini e donne primordiali…
Lo spazio della scena è spazio onirico in cui Gemma si muove da dentro, da sotto la pelle, in ascolto di una memoria antica, alla ricerca di un gesto che misuri la vicinanza e la lontananza a se stessa, allo spazio, a chi guarda, al fiore che la accompagna silenzioso, testimone della sua lenta metamorfosi.
Corpo, spazio, suono e luce danno vita a brevi incarnazioni danzate intessendo insieme la trama dell’immaginario. Un velo opaco su cui sono proiettate immagini video, si fa diaframma che crea un altrove, separando lo spazio in un aldiqua e un aldilà: dalla parte del pubblico un’orchidea, una lampadina e un tavolino creano un ambiente apparentemente domestico, familiare: ma, dei due, qual è il mondo reale?
Gemma è una promessa semplice, un giurare alla vita e alla sua forza creatrice.

Altri crediti: Spazio scenico e luci Rosa Lanzaro
Musiche Claudio Giuntini
Video Luca Scarzella
Costumi Lucia Lapolla

Con il sostegno di
Residenze Artistiche Officina LaschesiLab - Teatro delle Moire
Vera Stasi - Progetti per la Scena
Wintergarten - Atelier di Teatro Permanente
Nudoecrudo Teatro
Aldes/SPAM! Rete per le Arti Contemporanee
theWorkRoom Milano - Fattoria Vittadini in collaborazione con Fondazione Milano
Associazione Tididì

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Tappeto da danza

    Impianto luci
    7 proiettori pc 1000 wt + telaio gelatina + bandiere 3 proiettori pc 500 wt + telaio gelatina + bandiere 02 sagomatori 1000 wt
    prolunghe con attacco civile e riduttori CEE (almeno 3)
    A carico della compagnia: 6 neon 1 lampadina 1 strobo 1 ventilatore

    Mixer luci 12 canali dimmer
    1 americana frontale fuori scena (se non disponibile, 1 stativo)
    1 per il tulle videoproiezioni davanti alla americana a mezza scena (nel caso in cui non fosse disponibile è possibile montare il tulle sulla stessa americana a pioggia in scena, se questa NON è tubo innocenti)
    1 americana controluce
    1 americane a pioggia a mezza scena

    VIDEOINSTALLAZIONI
    videoproiettore da 5000 lumen

    Impianto audio
    PA adeguato alla sala, con subwoofer 2 monitor su palco min 300W ciascuno 2 canali (L+R) al mixer di sala 1 DI BOX stereo sul palco

    Tempo montaggio
    montaggio: 6/8 ore, con tecnico di supporto
    smontaggio: 3 ore

    Referente tecnico
    Rosa Lanzaro 3497708472
    Laureata al Dams di Bologna in Discipline del Teatro, si forma come danzatrice in Italia presso l’Accademia Isola Danza de La Biennale di Venezia diretta da Carolyn Carlson e con Sosta Palmizi; in Olanda studia presso il European Dance Development Center di Arnhem. Approfondisce la formazione attraverso seminari e masterclass con maestri quali Carolyn Carlson, Giorgio Rossi, Raffaella Giordano, Michele Abbondanza e Antonella Bertoni, Eva Karczac, Hervè Diasnas, Simona Bucci, Nigel Charnock. Dal 2003 porta avanti una formazione permanente in Danza Sensibile® sotto la guida di Claude Coldy, con gli osteopati JL Dupuy e Marie Guyon, e di Cinzia Delorenzi.
    Come danzatrice collabora con diverse compagnie, tra le quali: Aldes/Roberto Castello (Sogni; In Movimento; La Forma delle cose; Sul corpo; Disperso; Biosculture), Sosta Palmizi/Giorgio Rossi (Rami - come quando fuori piove), Teatro Kismet Opera/Teresa Ludovico (Bella e Bestia; La Principessa Sirena; Il Principe Porcaro; Balbettio), Teatro all’Improvviso/Dario Moretti, Balletto Civile/Michela Lucenti (Pinocchio), Stalker video (Exit_02 videoinstallazione per La Biennale Musica), Studio Vertov, Teatro del Buratto, Luigi Coppola/Loos (Atti di ordinario esercizio democratico), Sharon Fridman (Tre, site specific performance), Alessandro Sciarroni (You don't know how Lucky you are), Simona Bucci (Nabucco, regia Daniele Abbado), Yasmine Hugonnet (Le Récital des Postures - Extensions).
    E' assistente alla coreografia di Virgilio Sieni per Teatro NO, una coproduzione Teatro Kimset Opera e Compagnia Virgilio Sieni.
    E’ co-fondatrice e interprete della Compagnia Cinzia Delorenzi (Studio per una nuova creazione; Io sono qui; Tu sei una parte di me; Take this Waltz; Aquamama).
    Dal 2016 lavora alle proprie creazioni (Bagliori; Gemma) con il sostegno di Residenze Artistiche Officina LachesiLab - Teatro delle Moire, Vera Stasi Progetti per la Scena, Nudoecrudo Teatro, SPAM! Rete per le arti contemporane, Fattoria Vittadini/Fondazione Milano.
    Cura i movimenti coreografici di Cinque Allegri Ragazzi Morti - musical low-fi, regia Eleonora Pippo, produzione Pubblico Teatro e La Tempesta Dischi.
    Crea e interpreta Nell’ombra, cortometraggio di videodanza selezionato al Cinedans Festival di Amsterdam.
    Conduce l’atelier di movimento presso la scuola di teatro Scimmie Nude di Milano e classi e seminari di Danza Sensibile®.
    E' terapista shiatsu diplomata presso l'Istituto Europeo di Shiatsu.