Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Molly e Marion

DRYAS TEATRO NATURA
Regia: Simona Generali
Drammaturgia: liberamente tratto da Ulisse di J. Joyce
Attori: Simona Generali Lara Panicucci
Trailer: Link
Anno: 2017

Molly Bloom, o forse dovremmo chiamarla Marion, o per meglio dire Penelope, la Penelope di Joyce, dal suo Ulisse del 1921, opera da molti considerata tra le più importanti del ventesimo secolo. Il romanzo è una giornata per le strade di Dublino vissuta da Leopold Bloom, uno dei tre protagonisti insieme alla moglie Molly Bloom e Stephen Dedalus. Diciotto episodi dove i suoi protagonisti rappresentano Ulisse (Leopold Bloom) Telemaco (Stephen Dedalus) e Penelope (Molly Bloom). La compagnia stabile tutt’Isoli del Teatro Colombo con il contributo dell’attrice Simona Generali e l’associazione Dryas Teatro Natura affrontano nuovamente questo testo di Joyce, già portato in scena dalla stessa Simona Generali in “Molly Bloom”, con l’esigenza di fronteggiare le parole di Molly Bloom, un testo così stilisticamente difficile, con l’uso del monologo interiore e del flusso di coscienza (stream of consciousness), in una inedita regia di Simona Generali, la musica espressamente scritta e pensata da Silvio Bernardi come trasposizione del suono di quell’ incessante flusso di parole, interpretata al clarinetto da Lara Panicucci.
E’ la sera prima del 16 Giugno 1904, giorno in cui si svolge tutta la giornata raccontata nell’Ulisse di Joyce, 18 ore, non un minuto di più, e Leopold Bloom fa una richiesta a Molly.
Da quella richiesta nasce un flusso ininterrotto di oltre quaranta pagine che conta due soli segni di punteggiatura ed è costituito di otto enormi frasi nelle quali Molly inizia a riflettere, prima di addormentarsi, un flusso incessante di idee, memorie, sensazioni, percezioni che scorrono liberamente e senza pause o cesure, proprio come fanno i pensieri nella mente umana.
Un modo questo per trasporre Penelope ai nostri giorni, l’attesa, a casa, nel letto, i pensieri che vagano e le azioni, quelle azioni che rendono libera Penelope-Molly (o Marion) dalla sua pesante figura di donna in eterna attesa, fedele e impeccabile.

Molly siamo noi, noi donne, tutte noi, che sorridono alla vita, che sognano un incantesimo, che immaginano lidi dorati e emozioni inaspettate. Molly siamo noi, noi tutte che si deprimono rinchiudendosi in casa con l’eccesso di paura di vivere quello che le aspetterebbe fuori, con l’ansia di doversi preparare a quel futuro che temono. Molly sono io. Molly sei tu. Che non riesce a vivere come avrebbe desiderato. Molly sono loro e siamo noi. Che abbiamo un passato ricco di forti esperienze, così pieno che potrebbe bastare per il resto della vita. Molly e Marion, due facce delle stessa donna, o una faccia di due donne diverse, Molly e Marion.

Lo spettacolo è in Residenza Artistica presso il Teatro Colombo di Valdottavo e “La Città del Teatro e della Cultura” di Cascina dove debutterà il 14 Ottobre 2017 all’interno della Stagione NoT (Nuovi Orizzonti Teatrali).

ph Alessandro Giuliani

Altri crediti: "Drammaturgie visioni" presso Teatro dei Marsi di Avezzano
Città del Teatro di Cascina

Produzione: Teatro dei Colori, Spazio Leopoldo, Dryas Teatro Natura

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    minimo 6mx6m

    Impianto luci
    4 tagli laterali
    2 sagomatori
    un controluce fondale
    8 mille

    Impianto audio
    lettore cd collegato a casse
    2 microfoni archetto

    Tempo montaggio
    montaggio 1 ora con quadratura nera già pronta e senza puntamento luci
    smontaggio 1 ora

    Referente tecnico
    Silvio Bernardi 347/5283262
    L'Associazione Dryas Teatro Natura nasce nel 2016.
    L’Associazione culturale Dryas Teatro Natura ha svolto attività laboratoriale, di Teatro-Natura nei territori del Parco delle Alpi Apuane, e rappresentando spettacoli rivolti ad un pubblico misto.

    L'Associazione Dryas Teatro Natura nasce nel 2016.
    L’Associazione culturale Dryas Teatro Natura ha svolto attività laboratoriale, di Teatro-Natura nei territori del Parco delle Alpi Apuane, e rappresentando spettacoli rivolti ad un pubblico misto.
    PINOCCHIO spettacolo per bambini promosso da orchestra LOL (Laboratorio Orchestrale Lucchese) “Fratel Arturo Paoli”. Lo spettacolo è stato proposto sia come evento singolo che all’interno del Festival “Lucca Classica Music Festival”.
    VIVERE ANCORA spettacolo promosso da Provincia di Lucca per i giorni della memoria e rappresentato sia come evento aperto alla cittadinanza lucchese che come spettacolo in due teatri presso Avezzano (Abruzzo).
    PUBLIC SPEAKING laboratorio promosso da COOP rivolto ad associati con la finalità di apprendere l’arte di parlare in pubblico.
    L’ALBERO DELLE EMOZIONI laboratorio di 60 ore presso Scuola Materna di Altopascio.
    TEATRO-NATURA laboratorio di teatro esperienziale e sensoriale presso Parco delle Alpi Apuane.
    MARGHERITA spettacolo per le celebrazioni su Don Aldo Mei promosso da Provincia di Lucca, Istituto storico della resistenza, in collaborazione con Comune di Lucca, Comune di Capannori e Comune di Pescaglia.
    SCOPRI LE TUE RADICI laboratorio esperienziale di teatro e consapevolezza.
    MOLLY E MARION spettacolo ispirato a Molly Bloom di “Ulysse” di J.Joyce in collaborazione con Teatro Colombo e Stazione Leopoldo. Rappresentato presso Città del teatro di Cascina (PI) e Teatro Colombo Valdottavo (LU).
    IMMAGINA LA MUSICA laboratorio di teatro presso Scuola di musica “Quattroqu’Arti”
    IL MIO NOME E’ MARGHERITA spettacolo teatrale ispirato alla vita di Margherita Di Bartolomeo Pardini rappresentato a Artè Capannori (LU), e nelle Scuole Medie Inferiori di Capannori.
    IN CAMMINO Aspetti spirituali e psicologici intorno alla via Francigena. Conferenza-spettacolo in occasione del presepe vivente di Ruota.