Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Fratellino e Fratellina

Asini Bardasci
Regia: Filippo Paolasini Paola Ricci
Drammaturgia: Paola Ricci Filippo Paolasini
Attori: Filippo Paolasini Paola Ricci
Trailer: Link
Anno: 2019

Menzione Premio Scenario Infanzia 2018
Fratellino e Fratellina nasce dalla fiaba di Hansel e Gretel, di essa ne prende le ceneri per trasformarsi in un racconto moderno o meglio distopico. Ci narra di cosa voglia dire oggi diventare grandi e rimanere soli. I due fratelli, come quelli dei Grimm, vengono abbandonati dai genitori. Si ritrovano così costretti a scoprire il mondo con le sue bellezze e i suoi paradossi. Fino a quando lo Stato, che come un Grande Fratello controlla tutto, proclama una nuova legge: “Tutti i bambini orfani dovranno essere considerati immediatamente adulti”. I fratelli saranno così obbligati ad entrare in società, trovare un lavoro e rapportarsi con questo strano mondo, in cui la lotta per sopravvivere e più forte di qualsiasi fratellanza.

Altri crediti: audio, luci Fabio Dimitri
video Alba Nannini
produzione Asini Bardasci/ Teatro Apollo - Mondavio (PU), ATGTP, con il sostegno di TRAC centro di residenza teatrale pugliese-Teatro comunale di Novoli, Teatro Due Mondi Faenza

Produzione: Asini Bardasci

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
6x8
Telo da proiezione 16:9 a carico della compagnia
Ove possibile utilizzo graticcia per posizionare macchineria scenica (il macchinario possiede cavo di corrente che arriva fino in regia), posizionato in americana o stangone a circa metà della profondità.
Profondità necessaria ai fini della proiezione

Impianto luci
-12 pc da 1000w (con ganci)
-2 sagomatori (con ganci)
-1 Par 64 Cp60 (con ganci)
-2 stativi con supporti per fari
-Console Luci 12/24 con doppio banco e possibilità di registrare le scene
-Diretta su palcoscenico per proiettore
-Cavo VGA o altro sistema per collegare proiettore a regia
-Telo proiezione 16:9 e video proiettore a carico della
compagnia

Impianto audio
Due casse attive, mixer, cablaggio per collegare pc al mixer

Tempo montaggio
3 ore montaggio
1 ora smontaggio

Referente tecnico
Filippo Paolasini
339 451 8693
La compagnia nasce ufficiosamente nel 2014 grazie a Paola Ricci e Filippo Paolasini artisti che uniti sotto il nome di Asini Bardasci (che in marchigiano arcaico significa ragazzini), iniziano a promuovere attività progettuali di tipo teatrale sul territorio marchigiano, facendo teatro in piccoli comuni e borghi, in modo itinerante. Come organizzatori collaborano con Squilibri Editore creando una mappatura sonora della regione attraverso documenti trovati dalla viva voce di contadini e anziani, sulla cultura orale. È nel 2016 che ufficialmente iniziano ad “abitare” il teatro Apollo di Mondavio, con il progetto-rassegna: “Anche questo è Teatro”, che vede la promozione di spettacoli contemporanei di grande rilievo nazionale. Il progetto si sviluppa grazie alla gestione del teatro insieme agli abitanti del piccolo borgo. Nascono infatti progetti sulla memoria etnografica del territorio, con ricerche promosse dalla compagnia e salvaguardate e custodite all'interno del teatro. Mestieranti e artigiani portano il loro lavoro a teatro; il teatro Apollo diventa così un luogo in cui si può stare più tempo possibile, un luogo di comunità. Gli artisti che partecipano alla rassegna vanno da Roberto Latini, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Andrea Cosentino, Vico Quarto Mazzini, fino a TiDA e il Teatro Nest.
Grazie al teatro Apollo che diventa la fucina del loro lavoro, la compagnia inizia a produrre spettacoli in cui si unisce la musica dal vivo. Inizia così la collaborazione teatrale con vari musicisti.
Nell'ultimo periodo, infine, AMAT e I Sotterraneo iniziano a collaborare con la compagnia, promuovendo progetti organizzativo-artistici.