Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Lucifer

industria indipendente
Regia: Erika Z. Galli, Martina Ruggeri (Industria Indipendente)
Drammaturgia: Erika Z. Galli, Martina Ruggeri (Industria Indipendente)
Attori: PierGiuseppe Di Tanno, Lady Maru
Trailer: Link
Anno: 2017

Uno spazio bianco delimitato a destra da un appendiabiti, dei flightcase rossi su cui sono poggiati flaconi di alcool, una maschera diabolica, una mazza da baseball, una palla, alcuni pupazzi; a sinistra la consolle di Lady Maru. Una "cameretta" al cui interno si muove Lucifer, creatura irrequieta, seducente, crudele e innocente al tempo stesso, terribilmente sola, che prende vita dalla performance eccezionale di PierGiuseppe Di Tanno. Recluso in questo perimetro rosso e bianco, Lucifer inscena il proprio dramma solitario incentrato nella manipolazione di un (s)oggetto impossibilitato a farsi tale: l’uovo, la cui perfezione è simbolo ancestrale della Vita.
Nel tentativo capriccioso di generare qualcosa che è già abortito, Lucifer intesse una drammaturgia di azioni, linguaggi e segni che si sommano in un crescendo destinato all’esplosione nichilista: danza, medita, prega, ingaggia gare di forza fisica, gioca a palla con il mondo, crea universi fittizi agiti solamente dal suo desiderio.
Il corpo di Lucifer – un corpo allenato, potente, ammaliatore, ribelle – si muove e agisce immerso in una scena bianca. Lì si innesta il testo, uno slang-west che mescola lingue antiche e inglese moderno, e l’aria si riempie del respiro di bpm ad alta frequenza di Lady Maru. Una frequenza che aumenta fino ad arrivare alla ripetizione convulsa della musica techno e hardcore, una musica sovrumana che potrebbe suonare all’infinito quello che le mani umane non potrebbero mai replicare allo stesso modo. Dalle mani di Lady Maru compaiono le uova, questi piccoli esseri perfetti, queste cellule embrionali femminili, i Chickenshit attraverso cui Lucifer compie dei passi verso una conoscenza che gli ac- cade contro. Lucifer è incarnazione di un fallimento, di chi compie una rivolta contro un ordine precostituito, di chi corrompe interrompendo l’azione drammatica per mostrare un’altra Verità e disgregarla al fine di permetterne una nuova ricomposizione che comprende gli stessi pezzi ma riassemblati. In questo senso le interpretazioni letterarie e delle sacre scritture hanno proposto questa figura come una sorta di catalizzatore, di cerniera - Lucifer è un provocatore di inciampi, è colui che provoca cadute a catena fino a portare il primo essere umano ad essere quello che è: in terra più che in terra. La storia rivela un altro elemento fondamentale, che ci sembra necessario rispetto al nostro qui e ora: attraverso questa figura ci è ricordata la possibilità e l’urgenza di una responsabilità per ogni essere umano, ovvero il prendere una posizione, dover assolutamente scegliere, quella che Emil Cioran chiama “condanna”. GO WEST LUCIFER GO! Il Lucifer evocato da Industria Indipendente corre verso ovest, continua a correre verso quel polo geografico che racchiude una sorta di maledizione etimologica, contenuta nello sforzo di avvicinarsi a dove il sole si spegne, su questa terra promessa in terra che ha distrutto ogni remota possibilità di essere un secondo Eden.

Altri crediti: Musiche originali Lady Maru
luci/video Daniele Spanò e Luca Brinchi
maschera Tiziano Fario
una produzione Industria Indipendente
co-produzione Carrozzerie N.O.T.
residenze Armunia, Città del Teatro (Cascina), Corsia Of (Perugia), Angelo Mai (Roma)
in collaborazione con Short Theatre

Produzione: Industria Indipendente

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
6 mt per 6 mt (adattabile)
n. 1 fondale pieno bianco
n. 1 tappeto danza bianco

Impianto luci
n. 4 stativi con barra T

n. 12 par led dimmerabili

n. 1 lucciola

n. 5 sagomatori

n. 5 pc

n. 5 basi a terra per i pc

Tutte le luci provviste di bandiere

n. 2 videoproiettori

Impianto audio
Impianto audio Martin o Nexo o D&B

n. 2 teste + 2 sub

n. 1 cassa spia

n. 2 mixer audio (1 provvisto di effetti con uscite bilanciate)

n. 1 aste per microfono

n. 2 microfoni (Shure SM58) con filo

N.B. è necessario avere un mixer con effetti sul palco, la dj lavorerà direttamente sulla scena e un mixer master per noi in regia.

Per le casse l'importante è avere due spie e due grandi casse (che sono anche di scena).

Tempo montaggio
montaggio: 3 ore
smontaggio: 1 ora
(in base ai luoghi)

Referente tecnico
Erika Z. Galli 327 1026402
INDUSTRIA INDIPENDENTE


Classi 1983 e 1986 Erika Z.Galli e Martina Ruggeri si incontrano artisticamente nel 2005 dando vita al progetto Industria Indipendente, collettivo artistico e di ricerca
principalmente dedito alle arti performative, teatrali e visive.
Dal 2005 ad oggi, il gruppo, realizza varie personali e collettive, in particolare nello scenario indipendente esponendo, tra gli altri, per Enzimi, Despatch e Live Perfomance meeting.
Nel 2009 inizia la loro ricerca drammaturgica e scenica.
Vincitrici con 8.10.88 del premio Celeste Brancato per la ricerca e sperimentazione in ambito teatrale, proseguono con Crepacuore lavoro pluripremiato in vari festival nazionali.
Nel 2014 debuttano al Teatro Valle Occupato con E’ tutta colpa delle madri e vincono il premio Hystrio scritture di Scena con Supernova.
Nel 2015 debuttano al Festival Trasparenze di Modena con lo spettacolo I ragazzi del Cavalcavia, vincitore del premio della critica al Dante Cappelletti e sono finaliste del premio scenario con il lavoro sull’Iliade Ho tanti affanni in petto.
Dal 2014 entrano a far parte del collettivo di registe Le ragazze del Porno e dal 2015 sono tra gli autori selezionati per il progetto europeo Fabulamundi playwriting Europe