Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

THOMAS MORE L'OPERA RITROVATA DI WILLIAM SHAKESPEARE

A.L.I. SOC COOP ARL
Regia: OTELLO CENCI
Drammaturgia: GIAMPIERO PIZZOL
Attori: GIAMPIERO BARTOLINI ANDREA MARIA CARABELLI GIAMPIERO PIZZOL ANDREA SOFFIANTINI ISOTTA RAVAIOLI
Trailer: Link
Anno: 2016

EVENTO IN OCCASIONE DELLE CELEBRAZIONI DELL’ANNIVERSARIO DI WILLIAM SHAKESPEARE 1616-2016
Un evento unico! La riscoperta di un testo autografo di William Shakespeare, mai rappresentato prima in Italia. Un’opera di eccezionale importanza per meglio comprendere chi fosse realmente il più grande autore di teatro della storia. Chi era davvero William Shakespeare? Dopo quattrocento anni abbiamo finalmente scoperto la verità? Tante sono le informazioni in nostro possesso, ma possiamo dire di conoscere veramente il bardo? La rivelazione della vera identità di un uomo non traspare attraverso documenti e date, si scopre l’animo dell’uomo attraverso ciò che mangia, chi e che cosa ama, quello che pensa, spera, crede, vive e… naturalmente, scrive! Shakespeare scrive di suo pugno questa sconosciuta e misteriosa opera dedicata a Thomas More, ma perchè? Con un Amleto o un Enrico, William ha guadagnato bene, con un Thomas More rischia di perdere non solo gli incassi ma la vita. Dunque se un’azione costa tanto, deve valere tanto. Che cosa spinge il bardo a voler mettere in scena una storia tanto recente (accaduta poco più di 40 anni prima) e scomoda (Thomas ci aveva rimesso la testa e altrettanto rischiava William)? In una notte di prove, discussioni, slanci e rinunce, incontreremo il vero William Shakespeare alle prese con il grande dilemma: Essere o non essere Thomas More? Dopo l'impresa di Manalive, commedia tratta dal romanzo di G.K. Chesterton, ecco Otello Cenci e Giampiero Pizzol alle prese con un altro autore anglosassone, forse il più grande di tutti: William Shakespeare. E nuovamente fare i conti con un uomo vivo: Thomas More. Il cancelliere inglese conquista il popolo, i nobili e perfino, William Shakespeare, attraverso il suo impegno di filosofo e primo ministro, ma anche attraverso il suo arguto e fantasioso pensiero che lo porta a muoversi sulla scena politica unendo alla fede uno spiccato senso dell'umorismo. Un grande uomo davanti a cui sorgono naturali, ieri come oggi, grandi domande: è possibile rischiare la vita per un ideale? C'è un punto in cui giustizia e misericordia s’incontrano? Una società giusta è niente più che uno scherzo, un'utopia? E' possibile vivere la fede con un sano umorismo? L'opera è tratta dal testo manoscritto di Shakespeare, Munday, Chettle, Dekker, Heywood scritto intorno al 1595-1600 a poco più di sessant'anni dalla morte di More avvenuta nel 1535 con l'accusa di alto tradimento per essersi rifiutato di firmare l'Atto di Supremazia di Enrico VIII.

Produzione: ALI SOC COOP ARL

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Larghezza: 8 mt. - Profondità: 8 mt.;
    Altezza: 6 mt (misura compresa tra la graticcia ed il palco)

    Impianto luci
    Potenza elettrica impegnata (Min.) 15 Kilowatts

    - Tensione elettrica 380 Volt trifase + Neutro + Terra ( presa pentapolare)

    Impianto audio
    - Ubicazione della connessione
    la connessione dovrà essere posta lungo il perimetro del palcoscenico per spettacoli al chiuso, mentre dovrà trovarsi sui lati o sul retro del palco per spettacoli all’aperto.

    Tempo montaggio
    Durata montaggio: 9 ore circa
    Durata smontaggio: 2 ore circa

    Referente tecnico
    OFFICINATEATRO SRL
    ALBERTO BARTOLINI
    La Cooperativa teatrale A. L . I. in cooproduzione con l' Associazione culturale Compagnia Bella di Forlì (www.compagniabella.com) ha allestito, prodotto e gestito oltre venti spettacoli e per l' editoria ha dato alle stampe una quindicina di titoli dell' autore teatrale e letterario Giampiero Pizzol ricordiamo le ultime produzioni tra cui due recenti opere shakespeariane : Leardo e' Re , ispirato al classico Re Lear con la drammaturgia del grande Tinin Mantegazza e del poeta Giovanni Nadiani ( 20012 ) poi quest' ultimo Thomas More di Shakespeare che ha debuttato al Meeting di Rimini ( 2016 ) quindi il romanzo di Chesterton Manalive ( 2013 ) con la regia di Otello Cenci , Matteo , ragioniere di Dio ( 2014 ) monologo edito da Mimep Editrice così come Il mio nome è Pietro (2013 ) con l' attore Pietro Sarubbi e infine Nata per voi , (2015 ) opera musicale con il compositore Alessandro Nidi per i 500 anni di Teresa D' Avila .
    La Cooperativa produce inoltre spettacoli per ragazzi e musicali e di teatro Sacro come Il Vangelo visto da un cieco vincitore della prima edizione dei Teatri del Sacro.