Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Fin dentro la natura - Processo per stupro

Effetto Collaterale
Regia: Francesca Talozzi
Drammaturgia: Francesca Talozzi
Attori: Anna Lugnani, Claudia Pavoletti, Francesca Finocchiaro, Francesca Cordì, Giulia Salutini, Giulia Panicucci, Ilaria Fierro, Lara Gallo
Anno: 2016

Fin dentro la natura – Processo per stupro
Forse per capire il tema della violenza sulle donne è necessario capire, ma anche ricordare, da che cosa venga generata, al di là delle statistiche e al di là quelle contabilità dolorose che ci mettono davanti agli occhi le bruciate vive, le accoltellate o le violentate. Solo ricostruendo ciò che è stato nel nostro passato di donne e di società civile è possibile creare dispositivi di difesa e di contro-attacco.
In questo lavoro “Fin dentro la natura – Processo per stupro” vengono incrociate e messe a contrasto due drammaturgie che nascono dall’esame di due documenti storici: gli atti del processo per stupro subito dalla famosa pittrice Artemisia Gentileschi e il film documentario di Loredana Rotondo, trasmesso da RaiTre nel 1979, sul processo per stupro in difesa della giovane Fiorella.
Nel tentativo di creare un nuovo spazio scenico che fosse lontano da tutti i segni che, ormai, codificano la violenza di genere, abbiamo cercato di capire ‘lo stupro’ viaggiando dentro i due documenti storici scelti, che hanno avuto una enorme rilevanza nel panorama del movimento femminista e nel forgiare la visione collettiva sulla violenza. In special modo il film documentario impresse una fortissimo impulso al movimento femminista del collettivo romano Governo Vecchio.
Insomma due ‘spartiacque’ che suscitano domande in continuazione, domande che un’azione scenica può avere la forza di mettere a nudo, nel tentativo di suscitare la ricerca di possibili risposte. Due documenti che è bene tenere nella propria memoria, che ci appartengono e che dicono ancora molto sul corpo della donna, sul suo ruolo all’interno della società, sulla protervia dittatoriale di uomini che considerano l’essere donna come appartenere ad una categoria inferiore, sulla assoluta necessità dell’autodeterminazione per contrastare il sopruso, spesso quotidiano.
I due mesi di lavoro che hanno portato a “Fin dentro la natura” hanno visto impegnate in scena sette donne che diventeranno Artemisia, Amazzoni irriverenti, Giustizie dolenti. Abiteranno uno spazio privo di oggetti scenici ma animata da una scenografia incombente dove scorreranno elementi del documentario insieme ad elementi di suggestione grafica. La storia di quei processi, la vicenda di Artemisia e quella di Fiorella saranno poste in contemporanea, azzardando l’ipotesi pesante che dal 1600 ad oggi ‘nulla sia cambiato’.
Lo spettacolo debutta il 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle Donne, senza alcuna volontà celebrativa ma con il desiderio che al prossimo 25 novembre 2017 qualcosa, invece, cambi.

Altri crediti: Video mapping di PROFORMA di Martino Chiti e Nicola Buttari http://www.proformavideodesign.com/
Abiti di scena di Clara Rota e Martina Veracini http://www.clararota.it/
Foto di scena di Jessica Viacava e Laura Sgherri
Luci Elisabetta Albanese

Produzione: Effetto Collaterale

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    minimo 5x6

    Impianto luci
    11pc
    12 canale dimmer
    mixer 12 canali
    attacco in sala video proiettori

    Impianto audio
    impianto canonico
    min 6 canali
    adeguato allo spazio

    Tempo montaggio
    mezza giornata di montaggio
    smontaggio più veloce, dovendo portare via solo attrezzatura relativa alla video proiezione

    Referente tecnico
    Elisabetta Albanese 329 310 7753
    Effetto Collaterale è un’associazione culturale e una compagnia teatrale nata a Livorno nel 2008, da un’idea di Francesca Talozzi (drammaturga e regista) e Alessia Cespuglio (attrice e regista). Prende nome dal nostro primo spettacolo con il quale abbiamo iniziato a lavorare su temi civili connessi alla memoria collettiva, alla responsabilità e all’intreccio dei ‘poteri forti’ con le vite dei singoli.
    Organizziamo e promuoviamo laboratori teatrali per ragazzi e adulti, percorsi didattici e iniziative culturali.
    Le nostre produzioni:
    2008/2009Effetto Collaterale: la storia della talidomide e del medico tedesco che per primo denunciò gli effetti collaterali del farmaco che, tra gli anni ’50 e ’60, portò in tutto il mondo alla nascita di migliaia di bambini senza arti.
    18/12/2008 Centro Artistico Il Grattacielo – selezionato alla I Edizione del Premio “Nino De Reliquis”.
    12/07/2009 selezionato al festival internazionale Santarcangelo Immensa 39esima edizione.
    2009 Ci hanno sorpresi nel sonno: primo studio sul processo al criminale nazista Eichman, svoltosi nel 1969. Il lavoro è partito da: ‘Il processo’ di Franz Kafka, ‘La banalità del male’ di Hanna Arendt, ‘L’istruttoria’ di Peter Weis.
    06/12/2009 Centro Artistico Il Grattacielo – selezionato alla II Edizione del Premio “Nino De Reliquis”.
    2011/2016 1991 il fatto non sussiste: Un gruppo di cittadini racconta la tragedia del traghetto Moby Prince che la notte del 10 aprile 1991 vide la morte di 140 morte al largo del porto di Livorno. Lo spettacolo nasce dal primo laboratorio sulla cittadinanza attiva organizzato all’interno del progetto permanente “Memoria|Città|Generazioni”
    2013 La Ballata degli Esseri Pensanti: Una donna, da un non-luogo senza tempo, canta la sua personale storia della terra e dell’umanità sgranando fatti e gesti umani che hanno segnato, inesorabili, il declino della civiltà.
    09/03/2013 – Teatro del Romito, Firenze – finalista al concorso teatrale UNO – Festival dei monologhi teatrali.
    2013 Una strada piena di sole. Appunti per rovesciare una dittatura. La storia delle sorelle Mirabal al cui assassinio è dedicata la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre).
    2013/2015 ONOMA. Linguaggi suggestivi per una bestia Performance di poesia e arte visiva che prende spunto dal poemetto del livornese Giorgio Caproni “Il Conte di Kevenhüller”.
    20/09/2013 – Teatro Libero, Palermo – finalista al concorso “Performance Art Award – Presente/futuro 2013” VIII edizione premiato con menzione d’onore.
    2013/2016 Chi porterà queste parole? Di Charlotte Delbo
    Progetto “Germogli di Memoria”
    Traduzione Federica Quirici
    2016 Fin dentro la natura – Processo per Stupro
    Due processi per stupro e due linguaggi: quello del corpo scenico e quello dell’ambiente virtuale con lo scopo di indagare da altri punti di vista la questione della violenza di genere.
    2016 ANIMULAE – Trilogie familiari/capitolo 1 – Vecchio Padre – Eredità – Intra stu lettu Il progetto sperimen