Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Edipo re

Carmelo Alù
Regia: Carmelo Alù
Drammaturgia: Letizia Russo
Attori: Liliana Bottone Simone Chiacchiararelli Angelo Galdi Alice Generali Adalgisa Manfrida Elisa Novembrini Michele Ragno Aron Tewelde Luca Vassos
Anno: 2016

Note di drammaturgia
Esisteva una volta un mondo in cui tutto era nuovo. La Storia era figlia del mito e il mito,

nella forma della tragedia, riuniva intere comunità attorno a spettacoli che interrogavano e

incantavano, e che lasciavano alla potenza della lingua e dei linguaggi scenici il potere di

muovere le menti, per renderle più consapevoli dell'oggi-di- allora, e dell'appartenenza a un

genere, quello umano, che nelle sue singole individualità declina ogni sorta di storia e di

vita, e nella sua collettività condivide l'esperienza del dolore, e il prezzo della conoscenza.

Poi è arrivato un tempo, il nostro, in cui il passato è diventato reperto, e la memoria

museo, e abbiamo cominciato a leggere e mettere in scena le tragedie figlie del mito con il

rispetto degli archeologi e il gusto della filologia, nell'equivoco, dovuto forse a troppo

timore, che la poesia non possa contenere azione, e che storie così antiche debbano

essere più “alte”, più “liriche” dei giorni che noi viviamo. Io non sono un'archeologa, né una

filologa. Sono un'autrice. Amo i tragici, e amo il greco antico per la sua anarchica

precisione. Per me una lingua, qualsiasi lingua, e una storia, qualsiasi storia, non

esisterebbero accadimenti, senza azione. Prima di iniziare il lavoro su Edipo Re di

Sofocle, ho fatto un voto a quegli dei dell'Olimpo che, se anche li abbiamo dimenticati,

forse esistono ancora: Cari dei, ho detto a voce bassa per non farmi sentire dai passanti

per strada, quello che voglio non è prendere Edipo Re e farne la fotografia di un

soprammobile impolverato. Voglio cercare una lingua storta e secca, una poesia fatta di

lame, e vedere Edipo, Giocasta, Tiresia, il popolo di Tebe vivere ancora.

Letizia Russo

Altri crediti: Scene Bruno Buonincontri
Costumi Gianluca Falaschi
Luci Sergio Ciattaglia

Produzione: QA Quasi Anonima Produzioni e Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio d'Amico

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Max 10x12

    Impianto luci
    8 PC 1000
    4 PAR

    Impianto audio
    Nessun supporto

    Tempo montaggio
    Montaggio 3 ore
    Smontaggio 2 ore

    Referente tecnico
    3887571707
    In costruzione