Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Helter Skelter

DoveComeQuando
Regia: Pietro Dattola
Drammaturgia: Paola Moretti
Attori: Flavia Germana de Lipsis Simone Càstano
Trailer: Link
Anno: 2016

"È incredibile... imperdonabile... Non può esistere tanta felicità."

Un travestito. Una vittima di violenze domestiche. Due reietti, due solitudini, due mezze vite. Due pozzi vuoti bisognosi di essere riempiti di amore o due pozzi pieni a cui manca una goccia per strabordare d'amore. E un vuoto pneumatico di affetti che fa da collante per un incastro possibile solo a forza, solo sfasciando le forme precostituite. Il tragitto è un ottovolante tortuoso, frastagliato, acerbo, doloroso, portentoso, non immediatamente comprensibile - ma irrimediabile. Perché queste due anime - cui manca il privilegio, o la gabbia, delle mezze misure - sono tanto lontane in superficie, quanto unite alla radice.
Cos'è la vita, senza amore?


La giuria di qualità della Vi edizione del Premio di drammaturgia DCQ-Giuliano Gennaio, composta da Marcello Cotugno (regista e autore), Emanuele Cotumaccio (editor RAI), Pietro Dattola (regista e autore-DCQ), Flavia Germana de Lipsis (attrice-DCQ), Fabio Morìci (attore e autore), Laura Novelli (critico) e Francesco Randazzo (autore e regista) ha premiato Helter Skelter - Geometrie d'amore di Paola Moretti in quanto "testo dall'atmosfera sospesa, a tratti lirica e surreale in cui il classico "incontro di due solitudini" (una determinata dall'ambiguità sessuale, l'altra dalla violenza domestica) viene affrontato e percorso conquistando l'interesse di chi legge. In una dimensione spesso altra, rarefatta, dilatata, spicca il rapporto d'interdipendenza tra questi due rifiuti estremi della società, capace di offrire buoni spunti per l'interpretazione e la messa in scena."

Altri crediti: elementi di scena Alessandro Marrone
foto Davide Peluso

Produzione: Compagnia DoveComeQuando

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    7 larghezza x 4 profondità
    almeno una quinta a sinistra

    Impianto luci
    1 sagomatore (può diventare PC)
    8 PC 1000
    + un piazzato adeguato allo spazio

    Impianto audio
    lettore cd o jack per computer
    mixer
    casse

    Tempo montaggio
    montaggio scena: 3 ore
    smontaggio: 1 ora

    Referente tecnico
    Pietro Dattola - 3200829337 - info@dovecomequando.net
    I nostri spettacoli si basano su pochi elementi di scena e privilegiano l'azione, ossia la progressione di eventi necessitati in una storia, senza limitarsi a uno scambio di battute, che potrebbero anche essere recitate immobili.

    L'obiettivo è immergere lo spettatore in un "sogno ininterrotto", da cui riemergere solo al termine della rappresentazione, in modo da fargli vivere un'esperienza quanto più profonda e soddisfacente possibile.

    La compagnia è diretta da Pietro Dattola, drammaturgo, sceneggiatore e regista, vincitore di numerosi premi drammaturgici (tra cui il Premio Internazionale Flaiano con il testo "Il signor Cugino"), e formatosi, tra gli altri, al Corso di perfezionamento in sceneggiatura (RAI- Script). Suoi testi sono stati rappresentati a Roma, Milano e Reggio Emilia da registi quali Giuseppe Marini, Hossein Taheri, Marcello Cotugno, Andrea Baracco e dal Maestro Giorgio Albertazzi.
    Insieme a Flavia Germana de Lipsis - la quale, dopo il diploma di attrice presso l’International Acting School (Giorgina Cantalini), ha studiato, collaborato e lavorato con registi e coach anche internazionali, tra cui Margarethe Assmuth, Massimo Avogadro, Alessio Bergamo, Massimiliano Civica, Daria Deflorian, Giles Foreman, Ron Gilbert, Lena Lessing, Francesco Randazzo, Evdokimos Tsolakidis, Alessia Siniscalchi, Giles Smith e Antonio Tagliarini - costituisce, da dieci anni, il fecondo sodalizio artistico al centro della produzione di DoveComeQuando.

    Oltre ai propri spettacoli, DoveComeQuando organizza tre iniziative volte alla promozione delle forze emergenti in campo teatrale:

    1) dal 2009, il Premio di drammaturgia DCQ - "Giuliano Gennaio", che si caratterizza per l'assoluta gratuità della partecipazione e per il premio, che nel panorama teatrale è tra i più ambiti: la messa in scena dell'opera - la quale avviene interamente a cura e a spese di DoveComeQuando;

    2) dal 2011, il Festival INVENTARIA (ex Rassegna DCQ), ospitato nello storico Teatro dell'Orologio di Roma (sala Grande + sala Gassman), è diviso in tre sezioni in concorso (Spettacoli, Monologhi/Performance, Corti teatrali) e in una fuori concorso. Dal 2014 il Festival è a partecipazione totalmente gratuita;

    3) dal 2012, il concorso di fotografia di scena "Scene da una fotografia", che si avvale, tra le altre, delle partnership con l'Istituto Quasar Design University e con la rivista di fotografia Kairos Magazine, legata all'Accademia del Teatro alla Scala di Milano.