Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Gramsci, Antonio detto Nino

URA TEATRO
Regia: Fabrizio Saccomanno
Drammaturgia: Francesco Niccolini e Fabrizio Saccomanno
Attori: Fabrizio Saccomanno
Trailer: Link
Anno: 2016

Gramsci Antonio detto Nino racconta frammenti della vita di uno degli uomini più preziosi del
Novecento.
Vita assolutamente privata: sullo sfondo, e solo sullo sfondo, il tormentoso rapporto con il PCI e
l'internazionale socialista, le incomprensioni con Togliatti e Stalin. E l'ombra di Benito Mussolini.
In primo piano invece la feroce sofferenza di un uomo che il fascismo vuole spezzare scientificamente, che vive una disperata solitudine, e in dieci anni di prigionia, giorno dopo giorno, si spegne nel dolore e nell'assenza delle persone che ama: la moglie Julka, i figli Delio e Giuliano. Il primo lo ha visto piccolissimo, il secondo non lo ha nemmeno mai conosciuto.
Proprio le bellissime lettere ai suoi figli sono state il punto di partenza: tenerissime epistole a Delio e Giuliano, ai quali Gramsci scrive senza mai nominare il carcere e la sua condizioni fisica e psichica,
dando il meglio di sé come uomo genitore e pedagogo. Ma accanto a queste, le lettere di un figlio
devoto a una madre anziana che lo aspetta in Sardegna e non capisce. Le lettere di un fratello. Di un marito.
Il corpus delle lettere di Antonio Gramsci ai familiari è un capolavoro di umanità, etica, onestà
spirituale e sofferenza, un romanzo nel romanzo, che apre a pensieri, dubbi, misteri che raccontare in teatro è avventura sorprendente.

Altri crediti: collaborazione artistica Fabrizio Pugliese
consulenza scientifica Maria Luisa Righi, Fondazione Gramsci
con la collaborazione di
Carcere di Turi (Bari)
Festival Collinarea (Lari)
L'arboreto - Teatro Dimora di Mondaino
I cantieri dell'Immaginario - L'Aquila
Thalassia - Residenza Memoria migrante di Mesagne
grazie a
Biblioteca di Tuglie
Paola Leone e i detenuti attori della Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce
Simone Valentina e Arturo di “Cucina Meridiana”
Tonio De Nitto - compagnia Factory
Mauro e Piero del “Fondo Verri”
Manifatture Knos
Andrea, Ada, Gilberto, Adele e tutti gli amici di Presicce
e un grazie speciale a Giannino
e a Francesca Vetrano

Produzione: URA teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Palco: 6mt x 4mt

    Impianto luci
    Carico Elettrico: 10 kw

    8 pc da 1000 con bandiere
    Dimmer e mixer luci minimo 6 canali
    2 americane su palco o 2 stativi per tagli laterali

    Impianto audio
    2 casse min. 200w a canale (attive o passive con amplificazione proporzionale allo spazio)
    2 Stativi per le casse
    Mixer audio. ( 1 canale per il lettore e un canale per il radiomicrofono)
    Lettore CD o un PC con un buon programma di lettura audio
    1 radiomicrofono con archetto (color carne)

    Tempo montaggio
    montaggio (1h e mezza)
    smontaggio (1h)

    Referente tecnico
    Fabrizio Pugliese (e-mail: pugliesefabrizio65@gmail.com; cell: 339 5064559)
    L’Associazione Culturale URA teatro nasce come naturale continuazione del sodalizio artistico tra Fabrizio Saccomanno e Fabrizio Pugliese.

    Dopo anni di lavoro all’interno di un Teatro Stabile per l’Innovazione, e dopo la loro uscita da quella struttura, hanno attivato diverse collaborazioni con artisti e strutture pugliesi, ma costante era la voglia di approfondire quel percorso artistico cominciato oramai quindici anni fa.

    Nascono nel frattempo due spettacoli, “Gramsci, Antonio detto Nino”, di Saccomanno, e “Per Obbedienza, dell’incanto di Frate Giuseppe” di Pugliese, due lavori in cerca di una ‘casa’, lavori nati in quel filone di narrazione che fa della memoria il proprio centro poetico.

    Così due personaggi atipici, ognuno a suo modo, Gramsci e San Giuseppe da Copertino, danno il via al progetto URA teatro: quando la ricerca sulla memoria si lega al racconto stesso della vita quotidiana, ai problemi del presente e alle speranze del futuro, diventa un atto creativo della contemporaneità e non uno sterile culto di un passato da idealizzare.

    Nella nuova ‘casa’ trovano spazio sia i vecchi lavori di Saccomanno ‘Via’ e ‘Iancu’ che due nuovi progetti: “Shoah,frammenti di una ballata“ di Saccomanno accompagnato dal violoncellista Redi Hasa, e uno spettacolo di cantastorie di strada di Pugliese, ‘Transumanze’.

    Nel frattempo è continuo il lavoro sul territorio con progetti di teatro comunità in alcuni paesi del Salento.

    URA è parola presa in prestito dalla vicina Albania. Sta per ponte.

    Fabrizio Pugliese & Fabrizio Saccomanno