Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

IL CAVALLO KING

A.L.I. SOC COOP ARL
Regia: ANGELO GENERALI
Drammaturgia: GIAMPIERO PIZZOL
Attori: GIAMPIERO BARTOLINI
Trailer: Link
Anno: 2014

Ecco dunque una storia vera, la cronaca della vita di un cavallo, qualcosa che forse
potrebbe interessare un allevatore o entrare nel taccuino di un veterinario. Ma la nostra storia,
come tutte le storie di questo mondo, può con un pizzico di arte teatrale, diventare un
racconto e attraverso l' intelligenza e la fantasia, comunicarci qualcosa di più dei semplici fatti.
Gli investigatori traggono dai fatti delle conclusioni, allo stesso modo gli artisti traggono
dai fatti un quadro, una poesia, uno spettacolo, insomma qualcosa che riguarda la vita e ci può
emozionare, sorprendere, commuovere, far ridere, coinvolgere e indicarci la trama invisibile
che sta sotto la realtà.
Protagonista della storia è un cavallo, non un purosangue leggendario che vince trofei o
un cavallo eroico che trionfa in battaglia, non un monumento equestre da piazza, ma un
animale come tanti altri. Una creatura con la stessa voglia di vivere che scorre in tutti gli esseri
che come noi respirano su questa terra.
King nasce e cresce come tutti suoi simili: è fatto per correre, ma la sua corsa si ferma
prima del tempo nella prigione di un box. King non si arrende e aspetta la libertà. E alla fine la
sua attesa viene premiata, può finalmente galoppare e trottare, ma la sfortuna sembra
accanirsi contro di lui.
King perde la vista. Cosa succede a un cavallo cieco? Lo aspetta il macello. Ma qualcuno
lo aiuta. Capita a volte che il destino ci mandi un dono prezioso e antico: un amico. Ancora una
volta King non si arrende e torna inaspettatamente a camminare, correre, vivere.
La sua vicenda è dunque quella di tutti noi, più o meno messi alla prova dal destino, una
piccola grande storia capace di farci galoppare con lui per un' ora sui versi di una ballata con il
sapore favoloso delle antiche leggende. Del resto uomo e cavallo hanno percorso da millenni la
stessa strada nel bene e nel male, nel lavoro e nella corsa.
King ci ricorda che il cavallo è qualcosa di più di un fatto sportivo o di un piacevole passatempo.
...E quando il suo muso accarezza la nostra mano noi tocchiamo un vivo e antichissimo
mistero che si svela solo a coloro che sanno guardare e ascoltare oltre le parole.

Produzione: A.L.I. SOC COOP ARL

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    MT 4 X MT 4

    Impianto luci
    6 proiettori pc da 1000 wt

    Impianto audio
    4 casse audio RCF da 300 wt e comunque adeguato allo spazio

    Tempo montaggio
    MONTAGGIO 2 ORE
    SMONTAGGIO 1 ORA

    Referente tecnico
    ALBERTO BARTOLINI
    La Cooperativa teatrale A. L . I. in cooproduzione con l' Associazione culturale Compagnia Bella di Forlì (www.compagniabella.com) ha allestito, prodotto e gestito oltre venti spettacoli e per l' editoria ha dato alle stampe una quindicina di titoli dell' autore teatrale e letterario Giampiero Pizzol ricordiamo le ultime produzioni tra cui due recenti opere shakespeariane : Leardo e' Re , ispirato al classico Re Lear con la drammaturgia del grande Tinin Mantegazza e del poeta Giovanni Nadiani ( 20012 ) poi quest' ultimo Thomas More di Shakespeare che ha debuttato al Meeting di Rimini ( 2016 ) quindi il romanzo di Chesterton Manalive ( 2013 ) con la regia di Otello Cenci , Matteo , ragioniere di Dio ( 2014 ) monologo edito da Mimep Editrice così come Il mio nome è Pietro (2013 ) con l' attore Pietro Sarubbi e infine Nata per voi , (2015 ) opera musicale con il compositore Alessandro Nidi per i 500 anni di Teresa D' Avila .
    La Cooperativa produce inoltre spettacoli per ragazzi e musicali e di teatro Sacro come Il Vangelo visto da un cieco vincitore della prima edizione dei Teatri del Sacro.