Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

URAGANO

Caterina Paolinelli
Regia: Regia Collettiva: E.Guerrini, M.Cecchini, A.Cosentino, M. Fe
Drammaturgia: Caterina Paolinelli
Attori: Caterina Paolinelli
Anno: 2015

URAGANO è il mio primo spettacolo da attrice solista. La ricerca è nata quando il gruppo col quale lavoravo su “L'Uragano” di A. Ostrovskij si è sciolto e sono rimasta sola con un debutto imminente. Presa dal non saper che fare, ma dalla certezza che qualcosa avrei fatto di tutto quel disagio, ho messo in scena il disagio stesso e la difficoltà di essere da sola con un testo di dodici personaggi (senza contare quelli minori) per le mani e un'eroina che rappresenta un archetipo del teatro: la donna sedotta che si uccide per amore. Quello che è nato è un monologo di cinquanta minuti molto ironico, a tratti parossistico e dal forte contenuto personale ed emotivo. Il pubblico si affeziona subito al doppio personaggio di Caterina attrice, impacciata e vulnerabile, e Katerina personaggio e accetta di buon grado il gioco meta-teatrale che metto in atto. E' uno spettacolo in divenire, flessibile e aperto, che si modificherà nel tempo e con l'incontro con i vari pubblici. Si prende in giro il metodo Strasberg, si ironizza sui movimenti femministi e sulla snobberia e pedanteria di certi ambienti teatrali. Tutto questo seguendo sempre, come unico filo rosso, l'iperbole di Katerina Kabanova che compie il suo atto tragico e sacrifica la sua vita in nome del suo ideale d'amore. L'attrice Caterina invece sopravvive e racconta la sua catarsi, in un ultimo passaggio dove ogni maschera cade e si rivela l'essere umano: la donna fragile che risplende della sua totale onestà. Una poetica la mia che risuona senza dubbio nelle donne, ma che sono certa troverà rispondenza anche all'interno del sentire maschile. Le tematiche di cui parlo ci riportano tutte a noi stessi, ad esperienze che bene o male ci accomunano come le pene d'amore, il senso di inadeguatezza, la solitudine. La condizione umana insomma: la cosa che condividiamo tutti.

Produzione: ARMUNIA

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Spazio minimo 3X4
    Preferibilmente teatro o sala teatrale. Legno o linoleum a terra.

    Impianto luci
    Piazzato 4 fari
    Un sagomatore
    Uno spot

    Impianto audio
    Mixer audio 6 canali

    Tempo montaggio
    Montaggio 1 ore
    Smontaggio 1 ora

    Referente tecnico
    Non ho un tecnico mio. Dovrei insegnare lo spettacolo a qualcuno.

    Per la tecnica contattare sempre me: Caterina Paolinelli
    La compagnia sono io e nasco come attrice professionista nel 2005.
    Sinossi del mio curriculum vitae
    Nata a Lucca (LU), attrice. Inizia il suo percorso artistico formandosi presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara conseguendo il Diploma in Arti Multimediali. Inizia a lavorare con il video sia come attrice che come videomaker. Dal 2003 al 2006 prende parte come attrice a numerosi cortometraggi e film indipendenti tra cui il video artistico "La scala nera" girato al Teatro della Scala di Milano dalla video-artista Grazia Toderi. Dal 2006 inizia a lavorare in teatro prima a Milano poi in tournée sia in Italia che in molti paesi europei (Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Lussemburgo). Nel 2007 consegue il Diploma di Attrice Professionista presso l’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma (Master di I livello Il teatro e la musica). Attualmente vive a Roma portando avanti sia progetti indipendenti che partecipando come attrice a produzioni teatrali, televisive e cinematografiche. E’ stata allieva, tra gli altri, di: José Sanchiz Sinisterra, César Brie, Lucilla Giagnoni, Ugo Chiti, Francesca Mazza, Roberto Romei, Francesca De Sapio, Alessandra Frabetti, Massimiliano Farau, Francesco Manetti, Jolanda Cappi, Tiziana Bergamaschi, Claudia Hassingler, Claudia Busi, Michele Monetta, Giorgio Rossi, Alessandro Magini, Theo
    Eshetu, Andrea Balzola, Giacomo Verde. E’ stata diretta da: José Sanchiz Sinisterra , Alfonso Santagata, Dario Moretti, Anella Todeschini, Davide Bini, Marta Boni, Grazia Toderi.
    Per questo progetto collaborano con me gli attori: Simone Baldassari, Rosario D'Angelo e Stefania Bonafede. La regista e autrice Gianna Mazzini.
    Il progetto è sostenuto dalla famiglia di Dolci, da Paolo Rosa di Studio Azzurro, Paolo Benvenuti e altre meravigliose persone.