Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

SQUARCIAPACE

Teatro della Sete
Regia: Valentina Rivelli
Drammaturgia: Caterina Di Fant e Lucia Linda
Attori: Caterina Di Fant Lucia Linda
Trailer: Link
Anno: 2013
Gilda e Zora nascono assieme in un organizzatissimo pollaio.
La paura le avvicina, le fa incontrare.
Si abbarbicano l’una all’altra, confondono l’Io e il Tu.
Finché scoprono un mistero capace di scuotere persino i grandi: un mistero oscuro come la notte, liscio come un serpente, lucido come uno specchio: un uovo, nero.
Una presenza affascinante per Gilda e Zora, ma scomoda e nefasta per gli adulti, che cercheranno una soluzione iniziando le due pulcine alle credenze della superstizione e del razzismo, cercando di cambiarle. Finendo per separarle. Questo squarcio tra le due è innaturale: sono nate per essere amiche, per vivere insieme le emozioni del diventare grandi.
Per cui daranno insieme un nuovo significato a quel mistero colorato di nero.

NOTE DI REGIA
L’uovo da sempre riveste un ruolo unico: quello del simbolo della vita in sé, ma anche del mistero e della sacralità. È per questo che abbiamo voluto incontrarlo, giocare con lui, parlarci, confidargli i nostri segreti, immaginandoci come ci si potrebbe stare dentro e cercando un dialogo con la sua forma affascinante e perfetta.
SQUARCIAPACE è nato a partire da uno studio delle paure primordiali dell’uomo, il buio e il silenzio, per poi affrontare le paure legate alla nascita e alla crescita. Silenzio e buio come preludio all’azione, come un nido da cui spiccare il volo; buio e silenzio come emblema della paura ma anche come fonte di protezione.
Nello spettacolo i corpi e l'ironia si intrecciano alle musiche de "Il carnevale degli animali" di Camille-Saint Saëns.

spettacolo per i bambini dai 5 ai 10 anni
durata 50 minuti

Produzione: Teatro della Sete

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    L’Associazione Culturale Teatro della Sete nasce a Udine alla fine del 2000 da un gruppo di attrici diplomate presso la Civica Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe”.
    Il Teatro della Sete produce spettacoli, per bambini e per adulti, progetta e conduce di laboratori teatrali, organizza rassegne ed eventi.

    La compagnia ha prodotto gli spettacoli di teatro di figura "Falù", "Baci Abbracci e Bastonate" e "Diavoli e Fiori" del burattinaio Michele Polo, gli spettacoli di prosa “Lenghe di glerie storie di viaggi e di ghiaia”, “Squarciapace”, “Ape Blues”, “Slurp! I mostri nel carrello” delle altre socie fondatrici. Distribuisce in FVG “ Parole e sassi – la tragedia di Antigone in un racconto per le nuove generazioni”, per la direzione artistica di Letizia Quintavalla, vincitore del premio “Eolo 2013” come miglior progetto creativo.

    Da più di dieci anni la compagnia collabora con l’ERT, Ente Regionale Teatrale del FVG, occupandosi di attività laboratoriali per Teatroescuola, un progetto educativo per i bambini e i ragazzi dai 0 ai 14 anni capillarmente diffuso su tutto il territorio regionale con lo scopo di avvicinare le giovani generazioni ai linguaggi del teatro.
    Collabora con istituti scolastici (scuole dell'infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado) organizzando spettacoli, laboratori e letture sceniche all’interno dei progetti educativi, gestisce corsi di educazione teatrale e segue gruppi studenteschi all’interno del Palio Studentesco di Udine. Aderisce agli eventi organizzati da parte del Comune di Udine e partecipa alle rassegne e manifestazioni locali (Calendidonna, Notte dei Lettori, VicinoLontano, èStoria) con presenze performative e letture sceniche. Si occupa con passione della promozione della diversità linguistica e interculturale, con particolare attenzione alla diffusione della lingua friulana, producendo spettacoli in doppia lingua, come Lenghe di Glerie (2015) e Falù (2017) lo spettacolo di teatro di figura co-prodotto con l’Associazione Lenghis dal Drâc–Amîs di Onde Furlane, che viene proposto nella stagione 2018/19 sia in lingua friulana sia in lingua italiana. Collabora con ARLEF, la Filologica Friulana e Suns Europe, il festival europeo delle arti in lingua minoritaria

    In collaborazione con l’Associazione Adolescenti Senza Zucchero ha prodotto “Scritto sul corpo”, spettacolo che affronta il tema dei disturbi alimentari. Lo spettacolo ha partecipato al festival internazionale Gavroche di Mosca (RU) in occasione dell'anno della cultura italiana in Russia.

    Il Teatro della Sete organizza eventi e rassegne in collaborazione con il Comune di Udine e con il sostegno della Provincia di Udine e della Regione Friuli Venezia Giulia: attualmente è alla conclusione della 6^ Edizione di TSU Teatro Sosta Urbana, rassegna che porta il teatro in ogni luogo della città di Udine, non solo negli spazi “convenzionali”, ma anche e soprattutto tra la gente, fuori dai palcoscenici tradizionali, promuovendo un’idea di teatro che parli direttamente con le persone, che sia popolare, comunicativa e allo stesso tempo accurata, per riallacciare i fili con la comunità da cui nasce e per cui esiste. Maggiori info su TSU: http://www.teatrodellasete.com/tsu/