Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Mi abbatto e sono felice

Mulino ad Arte
Regia: Marco Cavicchioli
Drammaturgia: Daniele Ronco
Attori: Daniele Ronco
Trailer: Link
Anno: 2015

L’idea di mettere in scena “Mi abbatto e sono felice” nasce dalla riflessione che mi ha accompagnato nei mesi successivi alla morte di mio nonno, una persona che mi ha insegnato tanto e che stimo infinitamente per la condotta di vita esemplare perseguita durante i 91 anni trascorsi su questo pianeta. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a impatto ambientale “0”, autoironico, dissacrante, che vuole lanciare una provocazione importante; vuole far riflettere su come si possa essere felici abbattendo l’impatto che ognuno di noi ha nei confronti del pianeta sul quale abitiamo. “Mi abbatto e sono felice” non utilizza energia elettrica in maniera tradizionale. Si autoalimenta grazie allo sforzo fisico prodotto da me in scena. Non sono presenti altri elementi scenici, i costumi sono essenziali e recuperati dal guardaroba di nonno Michele. Le musiche sono live.

Sempre più spesso si sente parlare di disagio, crisi, scarsa produttività, povertà, inquinamento, surriscaldamento globale, etc.. Ma come, nell’era del benessere ci sono tutti questi problemi?! Sembra che la felicità dell’uomo occidentale sia direttamente proporzionale a quanto produce e quanto consuma: producendo si ottiene denaro e più denaro si possiede, più si consuma e ci si sente felici. Siamo certi di questa affermazione? Molti di noi avrebbero la risposta pronta, ma a parole siamo bravi tutti. Sono i fatti quelli che contano. Pensiamo per un attimo alla tensione che scorre all’ora di punta nei centri delle città, quando basta un clacson per far scoppiare una rissa. Pensiamo all’invidia nei confronti di chi, sul posto di lavoro, ottiene un passaggio di livello, ai continui piagnistei delle persone davanti a uno spritz, ai milioni di finanziamenti suicidi per assicurarsi un’ automobile da 40.000 Euro, alle farmacie prese d’ assalto da una popolazione malata e acciaccata. Vi sembrano segni di un popolo felice? La risposta pare piuttosto scontata. Eppure i capi dei governi invitano a consumare di più, a produrre di più, con un’ inevitabile incremento della frustrazione umana. Le lotte di potere sono all’ordine del giorno e a qualsiasi livello. Dall’altra parte gli stessi capi dei governi parlano dei problemi di inquinamento, rifiuti tossici, surriscaldamento globale,… Anche qui si riscontra un paradosso non indifferente. Si spinge a produrre e a consumare di più e poi ci si lamenta di come il pianeta stia andando a rotoli?

Siamo la specie più invasiva della Terra, acciecata da un materialismo dilagante. L’ipocrisia è all’ordine del giorno. In tutto questo, l’unica ancora di salvezza è l’ Amore. L’unica variabile impazzita, l’unica variabile a sfuggire alle leggi della fisica e della chimica. L’amore per se stessi, per le altre creature e per il pianeta che ci ospita potrà salvarci da un declino altrimenti inarrestabile. L’amore non costa, non crea Pil, non inquina, è scomodo perché fa ammalare di meno.

Altri crediti: Elementi di scena: Piero Ronco, Federico Merula, Lorenzo Rota
Genere: Teatro di narrazione "eco sostenibile"
Durata: 60'

Produzione: Mulino ad Arte

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Larghezza: 3m (minimo)
    Altezza: 3m (minimo)
    Profondità: 3m (minimo)

    Impianto luci
    Lo spettacolo non prevede l'allacciamento alla corrente elettrica e, pertanto, ad alcun impianto.

    Impianto audio
    Lo spettacolo non prevede l'allacciamento alla corrente elettrica e, pertanto, ad alcun impianto.
    Non è prevsito l'utilizzo di microfoni.
    Le musiche sono live (l'attore suona lo jambè)

    Tempo montaggio
    Durata montaggio: un’ora
    Durata smontaggio: mezz’ ora

    Referente tecnico
    Daniele Ronco:
    370 3259263
    L’Associazione Culturale Mulino ad Arte è una compagnia teatrale under 35 che opera sul territorio nazionale dal 2009. Il cast è composto da: Daniele Ronco e Jacopo Trebbi, diplomati alla Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone”, Costanza Maria Frola presso la Sat di Moncalieri. Le attività prevalenti di Mulino ad Arte sono: produzione e distribuzione di spettacoli teatrali, organizzazione di eventi e formazione. Per quanto riguarda l’attività di produzione e distribuzione, Mulino ad Arte ha visto una crescita costante di pubblico e di critica, arrivando in pochi anni a distribuire oltre 50 spettacoli l’anno su tutto il territorio nazionale, ricevendo premi e riconoscimenti (Cassino Off 2016, Maldipalco 2014 e 2015, Le strade degli altri 2017, Voce della società giovanile 2017). La compagnia produce spettacoli di repertorio e di drammaturgia contemporanea, partendo dall’urgenza di affrontare tematiche “pop” dal grande risvolto sociale, utilizzando principalmente i linguaggi della parola e della musica, con un’ attenta ricerca che miri ad un’ unicità di rappresentazione, adottando un linguaggio schietto e diretto in modo da arrivare a tutte le fasce di pubblico. Mulino ad Arte ha il sostegno della Fondazione Piemonte dal Vivo attraverso il progetto CortoCircuito Piemonte. Grazie alla collaborazione tra la Fondazione e i Comuni di Orbassano e Cumiana (Torino), il Mulino organizza a partire dal 2013 il cartellone della Stagione teatrale dei suddetti Comuni. In particolare: il Teatro Sandro Pertini ospita la stagione Live Show Orbassano e il Teatro Felice Carena Live Show Cumiana. A partire dall’edizione 2016, è nel co-organizzatore del Torino Fringe Festival. Il 2017 vede una nuova collaborazione fra Mulino ad Arte e Il Mutamento Zona Castalia presso San Pietro in Vincoli Zona Teatro di Torino, con la nascita della rassegna Live Show in Vincoli e del Progetto MuMu.

    I nostri spettacoli:

    2017 - UOVA TOSTE di Daniele Ronco, Costanza M. Frola
    2017 - CHAOS (HUMANOID B12) di Daniele Ronco
    2016 - IL MEDICO PER FORZA di Molière
    2015 - LES JUMEAUX di Daniele Ronco
    2015 - MI ABBATTO E SONO FELICE di Daniele Ronco
    2014 - DROPSHOT di Daniele Ronco | con il patrocinio di "Torino Capitale Europea dello Sport 2015"
    2013 - DUE FRATELLI di Fausto Paravidino | con Laura Curino
    2012 - LEVEL UP di Daniele Ronco e Cristian Piovano
    2012 - I VOLTI DI HIROSHIMA di Daniele Ronco
    2012 - SCALA DI LUNA di Daniele Ronco

    Tra le collaborazioni:
    Comuni e istituti scolastici di: Beinasco, Cercenasco, Cumiana, None, Orbassano, Osasco, Pinerolo, Rivalta, Vigone, Torino; Accademia dei Folli, Agafh Orbassano, Aism Cumiana, Apothema Teatro Danza, Aria Teatro, Assemblea Teatro, Crab Teatro, CRAL Orbassano, D-stile, Eco del Chisone, Fondazione Piemonte dal Vivo, Il Mutamento Zona Castalia, Imiut, Jaqulè, Kachupa Band, Lions Club Orbassano, Officina Audiovisiva, Onda Larsen, Regione Piemonte, Roby Video, Rotary Club Bologna, Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone”, Show Time Music Service, Sonic TV Orbassano, Teatro delle Selve, Teatro Duse Bologna, Nove Teatro, Teatro Tangram, Tedacà, TipsTheater, Torino Capitale Europea dello Sport 2015, 369gradi.