Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Parade-a tendernees act

Macellerie Pasolini
Regia: Ennio Ruffolo
Drammaturgia:
Attori: Natalia Mazzer, Marianna Martino, Carlo Pastore, Marco Ponti Drammaturgia sonora/Fabio Fiandrini
Anno: 2012

PARADE- a tendernees act è stato presentato da Macellerie Pasolini in forma di studio a perAspera, festival di arti contemporanee (Bologna, Italy) a giugno 2011.
Questo nuovo lavoro esplora la tenerezza, nelle sue varie-polisemiche-manifestazioni all'interno di un contesto familiare.
Una madre, un padre, due figli adolescenti agiscono in un interno domestico, ridotto nei suoi elementi essenziali.
L'azione si svolge intorno al tavolo e sui letti bianchi, con movimenti naturali che si alternano a movimenti coreografati.
Azioni quotidiane, ordinarie, svelano le molteplici dimensioni delle relazioni interpersonali che vanno a sovrapporsi.
Gerarchie e nodi emotivi esplodono nel bianco puro della casa, scorcio privato che si apre davanti agli occhi del pubblico.
Parade si svolge senza l'uso della parola.
L'unico linguaggio è l'azione scenica e la drammaturgia sonora che- per similitudine o per contrasto- crea lo sviluppo della narrazione.
La partitura sonora è a sua volta performativa e diviene il quinto attore della scena.

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico : 6x7 (con possibilità di adattamento site specific)

    LUCI:
    - 7 Neon da terra (dimmerabili)
    - 8 PC 650Kw per piazzato- con relative gelatine frost
    - mixer luci (min. 12 canali)

    AUDIO:
    - 1 sistema di amplificazione della sala (min. 500w)
    - 2 Lettori Pioneer CDJ 1000 +dj mixer

    Durata dello spettacolo: 50 min.
    Macellerie Pasolini è un progetto collettivo che prevede il coinvolgimento di artisti, sia italiani che stranieri, provenienti da diverse discipline e professionalità, chiamati a collaborare intorno ai temi della cultura contemporanea.
    Istituite a Roma agli inizi del 2009, Macellerie Pasolini crea, produce e sostiene proposte interdisciplinari, seguendo lo sviluppo della produzione in ogni sua fase e creando connessioni tra i vari partecipanti.
    Avendo per sua naturale vocazione la struttura di una rete, Macellerie Pasolini è dislocata nei luoghi di residenza artistica dei suoi componenti.
    Il primo lavoro di Macellerie Pasolini è Love Car, spettacolo che affronta la questione etica e politica dell’eutanasia.
    Presentato in forma di studio all'interno del festival di arti contemporanee perAspera (Bologna) nel 2009, Love Car debutta all'interno del festival Teatri di Vetro (Roma, maggio 2010).
    Successivamente, Love Car è in cartellone a Spoleto Off (Spoleto, giugno 2010),
    dove è insignito del Premio del Pubblico, Kilowatt Festival (San Sepolcro, luglio 2010), Ora Legale (Bologna, luglio 2011) e B.R.I.S.A.! (Bologna, ottobre 2011), MOB (Bologna, maggio 2012). Nel 2010 Macellerie Pasolini presenta uno studio all’interno del festival di arti contemporanee perAspera (Bologna): Imprinting.
    La performance racconta con il linguaggio dell’azione e dei suoni le dinamiche che segnano gli esseri umani e ne impongono i meccanismi per l’intera esistenza, a partire da una reazione originaria.Il 2012 vede la realizzazione di Parade – a tenderness act,
    terzo lavoro del collettivo Macellerie Pasolini.
    Dopo l’esordio in forma di studio al festival di arti contemporanee perAspera (Bologna) a giugno 2011, lo spettacolo è presentato in un suo sviluppo ulteriore nel cartellone di dicembre del Nightingale Theatre di Brighton (UK).
    Il debutto nella sua forma definitiva è previsto per il 24/25 marzo 2012 all'Atelier Sì di Bologna.
    In via di realizzazione Parade - sulla bellezza, secondo atto della trilogia, che sarà presentato in forma di studio alll'interno del Festival perAspera 2012.