Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

SHAKE (her) SPEAR (e?)

Cantiere Altrigo
Regia: Amalia De Bernardis
Drammaturgia:
Attori: Pierpaolo Laustino Alma Spina Sonia Peretti Silvia Papini Claudia Giacosa Mariuccia Bison
Anno: 2011
" Entra Lavinia. Violentata. Le mani mozzate. La lingua mozzata."
Tito Andronico. Shakespeare. Didascalia.
Esiste,dietro alle forme che natura o umanità hanno forgiato,un'impalcatura,una costruzione che regge le fattezze delle cose,invisibile a quell'immediatezza
che ci è consegnata e ci tocca attraverso il primo sguardo.
Questo osservare appena, malattia incurata della modernità,
dona una conoscenza superficiale e inattenta di tutto ciò che è intorno,ma non scava nel sotto,nel dentro,nel sopra.
Crea leggi invisibili sulle quali si basa la comunicazione, spostandotutto quello che non rientra in questo sistema non scritto in un contenitoresigillato che prende il nome di altro,oltre, non-luogo,non-scibile.
Tutto avviene in ogni trama,in ogni tempo, nelle relazioni sociali,nel quotidiano, nell'informazione, nella storia e nell'opera d'arte.
La nostra attualità ha fatto questo anche a Shakespeare,forse il più discusso tra
gli autori,il più rappresentato,il più rielaborato,riadattato.
Shakespeare ci ha consegnato frasi e immagini di rara bellezzache l'occhio umano ha continuato a fissare estasiato, l'orecchio ad ascoltare
imbambolato, le momorie ad ingurgitare come biglietti da visita eterni.
Ma...può forse un genio fermarsi all'apparenza seppur meravigliosamente
costruita da sembrare già essa stessa un doppio senso?
No. E lui, a nostro avviso non si è fermato.
Questo nostro progetto "Shake(her)Spear(e?)" nasce dall'urgenza di voler
vedere.Attraverso un'approfondita analisi di alcuni dei testi ci si è imbattuti in una
verità che viene nascosta dalla magnificenza della poesia offerta.Ma dove prende forma l'accadere?Dove si svela la dinamica delle sue creature?
Dove la potenza della visione è quell'oltre che tanto ci è caro
Tutto nelle didascalie.
Partendo dalla didascalia presente nel Tito Andronico sopracitata.Quale altra frase ci consegna veramente la crudeltà dell'opera,la spietatezza di
Chirone, Demetrio e Tamora?
Quale altra parola può darci tutta la disperazione di Lavinia?
Tutta la tragedia per noi è li dentro.
Uguale sezionamento dell'anatomia interna abbiamo operato su altre opere,quali Romeo e Giulietta, Macbeth, Otello,Amleto;
sulla figura stessa del poeta inserito in una modernità di parole facili e svendute,
sulla figura del regista ed infine sugli uomini.
L'uomo di Shakespeare nella sue differenze, l'Adamo su Eva, che non tace,ma
intriga,disfa e costruisce.Gigantesco e unico.
Attraverso la presa di coscienza che ci suggeriva via via il nocciolo
del significante,
abbiamo tradotto in immagine scultorea quelli che ci si sono presentati come
i cardini dei testi.
Nella reiterazione continua, nella ripetizione ossessiva dei corpi e dei gesti
abbiamo identificato la possibilità di arrivare al fulcro,all'essenzialità che
privata di una pomposità estetica illusoria ri-creava il battito furioso dei rituali
di Shakespeare.

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Cantiere Altrigo si costituisce legalmente nell'anno 2010, ma nei tempi precedenti già si muove sui campi della ricerca artistica. Formata da 6 componenti stabili più varie contaminazioni e collaborazioni con realtà di
    svariata natura a partire dalla nascente con il maestro di Aikido Luca Cerfeda, a quella con il Filmmaker Damiano Monaco, al protocollo d'intesa con l'Associazione Arcobaleno Onlus (reinserimento dei disabili
    psichici nella società), con varie altre Compagnie teatrali e artisti singoli.
    La poetica della compagnia trova posto nella terra di mezzo tra le dinamiche proprie della performance,
    presa nel significato che le attribuisce l'arte contemporanea, la scultura
    vivente e il teatro nella sua avanguardia del tempo presente. Operiamo una meticolosa ricerca al fine di trovare una simbologia nuova capace di diventare linguaggio dell'oltre,dall'altro, di ciò che non è immediatamente intuibile con uno sguardo poco indagatore.
    Uno dei punti base del nostro lavoro è
    la speranza di non diffondere/dare dei messaggi universali
    o farci portatori di verità assolute,ma
    di innescare i meccanismi interni della domanda.
    Il dubbio e la ricerca del perchè portano alla naturale curiosità che, a nostro modesto avviso, è il primo passo necessario ed insostituibile
    per giungere a quella che chiamiamo educazione permanente,unica vera salvezza per
    la povertà che il nostro tanto caro progresso ci ha attaccato all'anima.
    Il Dovere di imparare e non sempre solo il diritto, questa la nostra alternativa.
    Il fare. Il creare un linguaggio quasi rituale che permetta le aperture dall'interno.
    La compagnia svolge attività formativa su tutto il territorio italiano e la destina sia ad un utenza
    professionale ed artistica sia ad un pubblico molto lontano da tale conoscenza (vedi il laboratorio
    sulla figura di Maria Maddalena svoltosi nelle campagne calabresi).
    Lavora dal 2009 al 2011 sulle figure di Patroclo e Achille, Sappho che vivono in studi aperti al pubblico
    in vari spazi italiani.
    Attualmente impegnata nella realizzazione di due spettacoli che hanno come tema centrale la famiglia,
    altrettante performance e quattro installazioni.
    Dirige il progetto DIE MAUER che ha visto la sua prima edizione nell'anno 2011/2012
    presso il Magazzino sul Po, via Murazzi del Po 14/16,
    sito in Torino, rassegna di teatro sperimentale, performance e installazioni d'arte contemporanea , Festival Arte Contemporanea 2012.