Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

La muffa nel cassetto

la Nuda Compagnia
Regia: Antonella Fittipaldi
Drammaturgia: Antonella Fittipaldi
Attori: Eleonora Armani Bruna Giordani Leonardo Terenzio Elena Ingletto Elisa Nicolussi Alessia Staffieri Arianna Aste Bruno Degasperi Valeria Gallo Sara Caon Veronica Sebastiani
Trailer: Link
Anno: 2014

Undici personaggi, routine, carriera, politica, un amore non vissuto perchè entrambi dello stesso sesso e a qualcuno non conveniva, poi un flashback di vent'anni: gli stessi undici personaggi, chi erano e cosa volevano diventare. Poi ritorno al presente: cosa sono realmente diventati. Sogni sepolti, infranti, fallimenti, successi, chi ce l'ha fatta e chi no. E chi ha dimenticato chi era e dove e soprattutto perchè ha cominciato. "La muffa nel cassetto" farà ricordare ad ogni singolo spettatore quel sogno rimasto nel cassetto e dimenticato, lasciando quell'amaro in bocca, ma anche la voglia di riaprire quel cassetto.
La chiave dello spettacolo è allo stesso tempo ironica, provocatoria e drammatica. Viene unita la prosa ad una messa in scena sperimentale, il classico e il contemporaneo in un unico spettacolo. Inoltre i personaggi sono a 360°, quello che apparentemente può sembrare un teatro surreale ad esempio nel vedere un politico ballare davanti allo specchio di casa, in realtà è più reale di tutto, ovvero in teatro spesso un personaggio è tale in ogni momento, per esempio un professore è il professore, dall'inizio alla fine, a casa o in ufficio. Questo spettacolo invece vuole caratterizzare le persone e non personaggi, vuole mostrare che le persone hanno un ruolo e non sono il ruolo. Il cast è composto da undici attori, che mostreranno diverse sfaccettature dell’era contemporanea, dal politicante al fricchettone, dal sindacalista al professorone che pensa di cambiare il mondo con le conferenze, dai leccapiedi ai disillusi. Ma ci sarà un flashback di vent’anni e mostrerà chi erano e cosa volevano fare da grandi per poi tornare al presente e rendersi conto di come sono andate davvero le cose. Il finale della storia lascerà allo spettatore un messaggio chiaro, che farà riflettere sia sul dolore che vediamo spesso colpevole ma è solo un campanello d’allarme che ci avvisa che qualcosa non va, sia sulla reale responsabilità che noi abbiamo con le nostre scelte, nei nostri confronti e nei confronti degli altri. Ma, soprattutto, spesso dimentichiamo come siamo arrivati fin qui e tutti i nostri sogni.

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
11x9

Impianto luci
Piazzato + 8 spot

Impianto audio
Amplificatori + mixer audio

Tempo montaggio
Montaggio 1 minuto
Smontaggio 0 perchè la scenografia è vuota nell'ultima scena

Referente tecnico
3292453131
"la Nuda Compagnia" nasce nel luglio 2008. Il nome vuole indicare la maniera nuda di raccontare al pubblico, senza censure, senza nascondergli nulla, sempre in maniera giustificata e mai per mero clamore. Infatti i testi portati in scena sono inediti, scritti da Antonella Fittipaldi, che è anche regista e presidente della Compagnia. Gli unici spettacoli portati in scena di drammaturgie edite sono quelli di Sarah Kane. "la Nuda Compagnia" ha portato in scena "Nonostante Tutto", spettacolo che tratta il tema dell'amore omosessuale ostacolato da pregiudizi, ma quelli della propria famiglia, che è ancora peggio di quanto si racconta di solito; della Kane invece è andato in scena "Crave", in diversi posti oltre che in Teatro, come un fortino diroccato o mentre un pittore dipingeva traendo ispirazione dallo spettacolo sul momento; poi "la muffa nel cassetto" che racconta la storia di 11 personaggi in due momenti temporali, da giovani negli anni 90 e poi vent'anni dopo, mostrando chi ce l'ha fatta e chi no a realizzare i propri sogni, fra fallimenti o vittorie, rimpianti o successi, il tutto in chiave ironica ma con un sottofondo malinconico. Poi la Compagnia partecipa a rassegne e festival con altri spettacoli minori, sempre inediti e organizza da quattro anni la rassegna "Ama chi ti pare" in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia.