Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Come Fu che In Italia Scoppiò La Rivoluzione Ma Nessuno Se Ne Accorse

Calibro2 Pubblico Teatro - Il
Regia: Eleonora Pippo
Drammaturgia:
Attori: Raimondo Brandi, Luca Di Prospero, Marco Lorenzi, Barbara Mazzi, Maddalena Monti
Anno: 2011

I COWBOYS LAUREATI: UNA SPETTATRICE DICE DI LORO...

"Sipario aperto. Scenografia spoglia: una grande lavagna e due sedie. Ai lati s’intravedono quattro tavoli con le ruote, due alti e due bassi. Non ho la più pallida idea di cosa succederà questa sera al teatro Marenco. Alle 21.10, senza preavviso, una ragazza appare sul palco e inizia a parlare. Non si spengono nemmeno le luci… gli attori vogliono vederci in faccia mentre ci parlano.

Siamo in Italia, nell’anno 2161, trecento anni dopo l’unità d’Italia. Col proposito di presentarci la sua tesi di laurea, una tesista cerca di spiegarci cosa è successo dal 2011 al 2161. Pare che sia avvenuta una rivoluzione ma nessuno se ne ricorda… perché? Eppure un fatto del genere non può passare inosservato, vedi la rivoluzione francese o quella americana o cinese…

Sul palco si alternano vari ospiti che portano testimonianze preziose attraverso ricordi, ritagli di giornali, filmati e documenti d’epoca. Personalmente mi è piaciuto molto il tipo che impersona il mezzobusto della rassegna stampa televisiva. La sua bravura si nota ancora di più nell’attimo in cui viene coinvolto il pubblico in sala…
c’è un momento, decisamente interattivo, in cui vengono fatti passare tra gli spettatori degli articoli di giornale e contemporaneamente due cowboys cantano una stupida canzoncina… come finisce la musica chi si ritrova l’articolo in mano viene “democraticamente” invitato a salire sul palco per esprimere un parere sulla notizia… ma come passava veloce di mano in mano quel pezzo di carta sulle ultime note!

A un certo punto viene riproposta la fiaba dei tre porcellini e le conclusioni che se ne traggono portano interessanti spunti di riflessione. Chi è veramente il terzo porcellino? Chi gli ha dato i soldi per investire sul mattone?

Secondo la tesi presentata non importa ciò che succede ma come lo si racconta. La manipolazione del linguaggio consente di creare un’altra realtà, in cui si può far cambiare il significato originario delle parole.

Ciò che vogliono spiegarci i cinque attori è un vero e proprio dramma sociale. Sono convincenti nel cercare di far luce sulla storia. Non hanno paura di esporsi: le luci in sala mai spente, il cambio di costume direttamente sul palco e l’abbigliamento dei primi due porcellini sono scelte coraggiose che, portate avanti con naturalezza, lasciano il segno.

Questo spettacolo ha vinto il premio Scintille 2010 – Asti Teatro festival e il IV Premio Borrello alla nuova drammaturgia 2011."

Nadia Meriggio, Ceva (CN) Marzo 2012

https://www.facebook.com/comefucheinitaliascoppiolarivoluzione

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Si richiede che il palco e la platea siano illuminati da un piazzato fisso o da luci di servizio e impianto audio adeuato alle dimensioni dello spazio.
    - CALIBRO2 PUBBLICO TEATRO -

    Nasce nel 2005 per la produzione e la ricerca nell’ambito della comunicazione teatrale contemporanea. Ha prodotto esclusivamente testi alla prima rappresentazione italiana assoluta. Calibro2 Pubblico Teatro, debutta al Festival Quartieri dell’Arte di Viterbo con lo spettacolo “Cinque donne con lo stesso vestito” del premio Oscar per American Beauty Alan Ball, che vale ad Eleonora Pippo la candidatura al Golden Graal 2006 come miglior regia.

    PRODUZIONI
    2012 - MANCAMENTI , di e con Elena Arcuri & Eleonora Pippo (Work in progress)
    2011 – COME FU CHE IN ITALIA SCOPPIO' LA RIVOLUZIONE MA NESSUNO SE NE ACCORSE, (Satira fantapolitica) di Davide Carnevali - Regia Eleonora Pippo
    Spettacolo vincitore Premio Scintille, ASTI TEATRO 32
    Opera vincitrice del IV Premio Borrello alla nuova drammaturgia 2011
    Produzione: Calibro2, Il Mulino di Amleto, Asti Teatro Festival
    2010 – ULISSE CHATTA CON GLI DEI, AMLETO GIOCA ALLA PLAYSTATION, RASKOLNIKOV LEGGE FUMETTI (Dramma) di Villiam Klimàcek, Regia Eleonora Pippo
    Produzione: Calibro2, Quartieri dell’Arte Festival (Viterbo), Gunagu (Bratislava) e Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma
    Piazze: Quartieri dell’Arte Festival (VT), Teatro Olimpico (RM).
    2010 – CAMPANA & IL 75° (Dramma/Commedia) di Israel Horovitz, Regia Eleonora Pippo
    Produzione: Calibro2
    Piazze: Teatro Testaccio (RM)
    2009 – SOTTERRANEO (Dramma) di J. M. Benet i Jornet, Regia Eleonora Pippo
    Produzione: Calibro2, Quartieri dell’Arte Festival (Viterbo), Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e Sala Beckett di Barcellona
    Piazze: Quartieri dell’Arte Festival (VT), Teatri Di Vetro (Teatro Palladium, RM)
    2007 – ITAGLIANI! (Commedia) di Antonella Cilento, Regia Eleonora Pippo
    Produzione: Architempo
    Piazze: Todi Arte Festival, Teatro Elicantropo (NA), Teatro Franco Parenti (MI),
    Teatro Ambra Jovinelli (RM), ancora in tournée.
    2005 - CINQUE DONNE CON LO STESSO VESTITO (Commedia) di Alan Ball, Regia Eleonora Pippo
    Traduzione: Eleonora Pippo
    Produzione: Calibro2
    Piazze: In tournée dal 2005 al 2010. Alcune piazze: Teatro Sociale (Bellinzona), ARMUNIA Festival (LI), Teatro Ambra Jovinelli (RM)., Teatro della Contraddizione (MI).

    PREMI
    Calibro2 ha vinto il Concorso Scintille 2010 ad Asti Teatro Festival con
    "Come fu che in Italia scoppiò la rivoluzione ma nessuno se ne accorse" di Davide Carnevali regia Eleonora Pippo

    - IL MULINO DI AMLETO -
    http://www.ilmulinodiamleto.com/chisiamo.php