Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Luci della Città/Stefano Cucchi

Associazione O.n.g. teatri
Regia: Pino Carbone
Drammaturgia:
Attori: Francesca De Nicolais
Trailer: Link
Anno: 2014
La sensazione è quella di assistere a uno spettacolo che non dovrebbe avere luogo.
Perché di Stefano Cucchi, a teatro, non si dovrebbe parlare.
Perché è una storia che nessuno vuole sentire. Perché non c'è niente da rappresentare.
Un ragazzo di 31 anni è morto mentre era sotto la custodia dello Stato, per usare un'espressione da libro di denuncia, o da teatro di narrazione. Per usare un'espressione che userebbe chi riesce a restare virtuosamente lucido di fronte alle tragedie.
Io questa virtù non la possiedo, quindi "perdonate la mia incoscienza incivile".
Un ragazzo di 31 anni è morto. punto.
È entrato in carcere sulle sue gambe, è uscito cadavere dal reparto di medicina protetta di un ospedale una settimana dopo. punto.
Senza poter vedere i suoi familiari. punto.
Senza potersi neppure cambiare i vestiti e la biancheria. punto.
Sul suo corpo sfigurato vistosi segni. punto.
In quel letto d'ospedale i sudori acidi di una solitaria astinenza. punto. E a capo.
In scena, l'attrice fa la regia a se stessa, passando per Charlot , il vagabondo nei cui panni, sempre troppo grandi per il suo esile corpo, Charlie Chaplin ha vestito tutti gli ultimi, e nel film “Luci della città” si improvvisa improbabile boxeur, come lo era Stefano Cucchi, che praticava boxe a livello amatoriale. Un improbabile peso piuma.
Nell'epoca in cui tutti reclamano spiegazioni razionali, la parola, il corpo, l'azione, reclamano il loro diritto ad essere anche parola, corpo e azione poetica.
Anche invocazione.
Anche bestemmia.
Anche ritmo o soltanto rumore.
Rivendicano il loro diritto alla scostumatezza.

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    L'Associazione culturale o.n.g. Teatri nasce a Benevento nel 2010 dall’incontro (avvenuto nel 2006) tra il regista Pino Carbone e l’attrice Francesca De Nicolais, allo scopo di promuovere e praticare in autonomia un comune percorso di ricerca teatrale.
    E’ una struttura che spesso di avvale della collaborazione con altri altre realtà. Tra le collaborazioni: festival “Benevento Città Spettacolo”, il Teatro STABILE di Napoli, VesuvioTeatro, Etèrnit, Tourbillon, Solot,ENTE TEATRO CRONACA ma anche spazi occupati e di sperimentazione politica e culturale, quali l’ex Asilo Filangieri.
    SPETTACOLI:
    2010 “Barbablù”regia Pino Carbone, XXXI edizione festival “Benevento Città Spettacolo” 2010 “La dolce metà di Barbablù” da Perrault, di P. Carbone e F. De Nicolais, LunArte Festival. 2011 “Il re muore” di E. Ionesco. Regia Pino Carbone, Stagione Teatro Stabile di Napoli. 2012 “Fabula rasa” regia Pino Carbone, presso “Start” . 2012 “Giulio Cesare di notte”, regia Pino Carbone, XXXIII edizione “Benevento Città Spettacolo” 2013 “Luci della città. Chaplin\Cucchi-STUDIO1”- di Pino Carbone e Francesca De Nicolais, semifinalista Premio Scenario e Premio Scenario per Ustica. 2013 “P.O.V. point of view” regia Pino Carbone, Nuovo Teatro Nuovo di Napoli, Sala Assoli 2013 “Il contratto” di E. De Filippo , regia Pino Carbone, coproduzione con Ente Teatro Cronaca , Ex Asilo Filangieri e con la XXXIV edizione di “Benevento Città Spettacolo”
    2014 “Luci della città. Stefano Cucchi”- progetto di Pino Carbone e Francesca De Nicolais.