Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

LUNA PARK - Do you want a cracker?

leviedelfool
Regia: Simone Perinelli/aiuto regia Isabella Rotolo
Drammaturgia: Simone Perinelli
Attori: Simone Perinelli
Trailer: Link
Anno: 2014
LUNA PARK-Do You Want a Cracker?
di e con Simone Perinelli
aiuto regia e consulenza artistica Isabella Rotolo

Atterrare in un non-luogo e rimanerci.

Una notte: quell’arco di tempo utile a mettersi in contatto con Dio prima che arrivi il mattino a dissolvere le trasmissioni radio notturne, a spegnere i fari delle auto che sfrecciano sulla tangenziale est di Roma.
Una notte per entrare nella wunderkammer di Don Chisciotte e un non-luogo per non pensare, ma solo attendere, preparandosi una frase da dire.
Perché forse un giorno arriverà un segno da un altro pianeta e per effetto di una solidarietà, l’insieme dello spazio terrestre diventerà un luogo. Essere terrestre significherà finalmente qualcosa. Prima di allora bisognerà attendere e prepararsi una frase da dire. Perché è nell’anonimato di un non-luogo che si prova in solitudine la comunanza dei destini umani.
“Do you want a cracker?”

In un momento storico dominato dalla perdita di senso e dei confini dell’umano, investito dall’eco della rivoluzione copernicana e del cannocchiale di Galileo, da uno sguardo oltre il finito, Cervantes crea la migliore traduzione manieristica di un personaggio letterario mai scritta finora: il cavaliere della Triste Figura, Don Chisciotte. Il romanzo di Cervantes rivela un'accusa contro una realtà fredda ed ormai estranea, dove a un idealista – anche non pazzo – non resta che trincerarsi dietro la propria idea fissa. Don Chisciotte, perennemente sospeso e in bilico tra il mondo dell'esperienza spirituale e quello dell'esperienza sensibile, della vita pratica e di quella ideale, della realtà concreta e dell'apparenza ingannevole, della poesia e dello sgomento.
Cervantes attraverso l'ambiguità dell'incertezza trasforma continuamente la realtà, rendendoci così complici dei suoi personaggi, dei quali condividiamo la capacità di non lasciarsi ingannare dall'apparenza delle cose, o di voler ancora credere che un altro sguardo sia possibile.

Crediamo in un’analogia storica tra il tempo di Cervantes e il nostro e attraverso questa lente abbiamo cercato di declinare quel che resta oggi della wunderkammer di Don Chisciotte e di Cervantes stesso affidandoci ai temi del sogno, della fantasia, dell’ignoto, per portare alla luce quella che per noi è la coscienza umana cercando di dar voce a quel desiderio di una condizione esistenziale diversa. Abbiamo raccolto quel sentimento di perdita dell’essere umano di fronte al cosmo e all’inevitabile ripetersi della storia, collezionato le domande senza affrettarci a trovare risposte, perdendoci nel grande Luna Park che è la vita stessa cercando, come Cervantes, di destreggiarci e mettere a confronto una realtà triviale con una realtà sublimata, la parziale accettazione e il parziale rifiuto di entrambe, l'unione paradossale di una concezione realistico-razionalista con una idealistico-romantica, l'insanabile dualismo derivante dal fatto che l'idea è inattuabile nella realtà e la realtà irriducibile all'idea.

Altri crediti: di e con Simone Perinelli
aiuto regia e consulenza artistica Isabella Rotolo

Produzione: Leviedelfool

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Leviedelfool nasce ufficialmente come compagnia teatrale nel 2010 a Roma. E' una struttura libera e autonoma che vive dei progetti artistici di Simone Perinelli e della collaborazione a 360° di Isabella Rotolo e che ospita diversi artisti in ambito teatrale e non che collaborano alle produzioni della compagnia.
La compagnia rappresenta i propri spettacoli in Italia e all'estero lavorando su drammaturgie originali con l'obiettivo di dar vita ad un Teatro contemporaneo in grado di collegare l'arcaico con il moderno: in grado di portare il mondo in sé dalla preistoria al presente anticipando l'avvenire.
Sede della compagnia è il Teatro Comunale di Calcata dove ha creato il CALCATA TEATRO LAB, laboratorio permanente per le arti sceniche, dove organizza incontri e workshop.
Nel 2010 la compagnia inizia un percorso di ricerca sul tema "Esistenza", nato da una riflessione sull'opera e il pensiero di Albert Camus, e in particolare su Caligola, che si è concretizzato nella Trilogia dell'Essere, composta da tre monologhi (Requiem For Pinocchio, Macaron e Luna Park) e presente in molti festival di teatro contemporaneo in Italia (tra i più importanti ERA Festival del Teatro Era, TEATRI DI VETRO, COLLINAREA) e all'estero a Oradea in Romania al Gala Trafcantului de Cultura International.
Dal 2014 la compagnia lavora al prossimo spettacolo MALICONIA HOTEL, prodotto dalla Fondazione Pontedera Teatro, che debutterà a inizio settembre 2015.
Oltre al progetto di formazione del CALCATA TEATRO LAB, la compagnia si occupa di creare occasioni formative e creative attraverso workshop attoriali, di drammaturgia e incontri con il pubblico, al fine di proporre un nuovo tipo di rapporto tra pubblico e artista che permetta di abbattere le distanze e i ruoli e che non riduca l'espressione artistica teatrale alla mera rappresentazione di uno spettacolo, creando occasioni di dialogo aperto e scambio di competenze, esperienze e conoscenze.
Nel 2012 la compagnia viene chiamata a far parte, insieme ad altre 10 compagnie, del progetto “Scendere da cavallo” indetto dalla Fondazione Teatro Era. Progetto biennale che si è concluso a giugno 2014 con la seconda fase, “Montare a cavallo”, e che ha avuto un momento di apertura al pubblico con lo spettacolo collettivo “Era delle Cadute”, presentato all'interno del festival FabbricaEuropa2014.
Dal 2013 la compagnia organizza a Calcata ITINERARIA FESTIVAL – Arti Sceniche in Transito, festival Itinerante che partendo da Calcata trova durante l'anno altre tappe nel Comune di Modugno (BA) e nel Comune si Sarzana grazie alla collaborazione con il Teatro delle Bambole e la rassegna NIN – Nuove Interpretazioni. Il festival fa parte di QUALITÀ MUTEVOLE (FEST), una piattaforma artistica per un nuovo Teatro che propone eventi sul territorio nazionale con l’intento di creare una nuova domanda teatrale, basando i propri interventi su una nuova qualità di incontro con il pubblico attraverso un’esperienza che racchiuda tutti gli aspetti del Teatro: dall’intrattenimento alla catarsi, dalla formazione allo strumento di conoscenza, dalla festa al momento di elevazione dell’anima.
Info su www.leviedelfool.com

Simone Perinelli
Attore e regista classe '81, si forma all'Accademia Internazionale di Teatro secondo il metodo di Jacques Lecoq. Ha lavorato come attore con la Compagnia Molière di Mario Scaccia e con la compagnia Fortebraccio Teatro diretta da Roberto Latini (Ubu Roi – spettacolo candidato al Premio Ubu 2012).
Fondatore della compagnia Leviedelfool, è autore e interprete di Cambio vita. Nel 2010 dirige e interpreta Caligola di Albert Camus. Dal 2012 lavora alla Trilogia dell'Essere dirigendo e interpretando i tre monologhi della Trilogia dell'Essere: Requiem For Pinocchio, Macaron e Luna Park, spettacoli di cui è anche autore.
Dal 2014 lavora al nuovo progetto MALINCÒNIA HOTEL , prodotto dalla Fondazione Pontedera Teatro.

Isabella Rotolo
Dopo una formazione musicale in pianoforte presso il Conservatorio Cherubini di Firenze, si diploma in Francia presso l'accademia Studio de Formation Théatrale seguendo gli insegnamenti tra gli altri di Pauline Bureau, Jean-Louis Jacopin, Florian Sitbon e Camille Chamoux. Completa poi la sua formazione artistica frequentando stages e laboratori di grandi registi e maestri come Eimuntas Nekrosius, Anatoli Vassiliev, Eugenio Barba, Roberto Castello, Emma Dante, Renata Palminiello e Claudio Morganti.
Ha lavorato come attrice con la compagnia CIAC (Alice e il mondo delle meraviglie, La principessa del parco). Nel 2010 come performer ha partecipato al progetto “Sì, mia nonna...” condotto da Roberto Castello e presentato da ALDES per Short Formats al CRT di Milano.
Dal 2011 lavora attivamente nella compagnia Leviedelfool.