Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Alessandra Di Lernia

Sede: Roma
Sito internet:
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Alessandra Di Lernia (Roma, 1974), è drammaturga, interprete e regista.
Nel 2019 il suo ultimo testo Speranza contro speranza (produzione Accademia degli Artefatti) è presentato in anteprima al festival Short Theatre.
Il suo trittico teatrale Attraverso un inverno (Dicembre_I fatti di gennaio e marzo_Il privilegio di febbraio) è stato inserito in Fabulamundi_Playwriting Europe e tradotto in francese per Face à Face 2017 (La traversée d’un hiver, traduzione di Caroline Michel ed Emanuela Pace).
Nel 2017 partecipa allo Studio Européen des écritures du théâtre “Les Anges de l’Histoire” ospitato alla Chartreuse – Centre national des écritures du spectacle e per l’occasione scrive Qui giacciono le ossa rotte di.
Tra il 2012 e il 2015 ha diretto insieme a Salvo Lombardo la compagnia Clinica Mammut, i cui lavori sono stati ospitati in importanti festival nazionali. Per la compagnia è autrice dei testi col tempo, Il retro dei giorni, del sordo rumore delle dita di cui è stata anche interprete; è stata co-ideatrice del progetto Melanconie in dedica a Pier Paolo Pasolini (2014), serie di azioni artistiche concepite come riflessioni sul pensiero pasoliniano e di Come essere felici già alle prime note dell’Inno alla gioia di Beethoven (2014), performance sulle sopravvivenze razziste nell’identità italiana di epoca post-coloniale nell’ambito di “Presente imperfetto” a cura di V. Gravano e G. Grechi; co-curatrice di P.P.P._melopèa alessandrina (2013), ciclo di eventi artistici e interventi teorici sulla figura di Pasolini.
Dal 2019 è impegnata come attrice nella tournée di Guarda come Nevica 2. Il Gabbiano della Compagnia Licia Lanera.
È inoltre traduttrice dal francese e dallo spagnolo.