Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Emanuele D'Errico

Sede: Napoli
Sito internet: https://www.facebook.com/emanuele.derrico.90
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Emanuele D'Errico nasce a Napoli l'8 maggio del 1995 e si diploma come attore alla Scuola del Teatro Stabile di Napoli nel giugno 2018.

Studia drammaturgia con Rafael Spregelburd, con Fabrizio Sinisi e con Massimo Maraviglia.

In teatro lavora come attore con registi come Robert Wilson, Arturo Cirillo, Benedetto Sicca, Alfonso Postiglione, Filippo Zigante, Fortunato Calvino, David Jentseng.
Nel 2016 è autore e interprete di "Tragodia," monologo che debutta nella stagione del Teatro Elicantropo di Napoli. Nel 2019 è co-autore con Benedetto Sicca e aiuto regia di "Per tutti!" che debutta al Festival della Valle d’Itria. Nel 2021 sempre con Sicca firma l’adattamento e la traduzione di "Alla festa di Romeo e Giulietta" che debutta al Campania Teatro Festival.

Vince la Menzione speciale per la regia con lo spettacolo "Selene", di cui è autore, per il bando Nuove Sensibilità 2.0, in cartellone nella stagione 2019/2020 del Ridotto del Teatro Mercadante.

È vincitore del Premio Giovani Realtà del Teatro 2019 con il progetto "Dall’altra parte | 2+2=?", di cui è autore, interprete e regista, che debutta nel 2020 al Napoli Teatro Festival Italia 2020 e successivamente al Festival Tramedautore al Piccolo Teatro di Milano.

Nel 2021 riceve il Premio Dante Cappelletti - Giuria Popolare con il progetto "Felicissima jurnata" di cui è autore e regista.

Nel 2020 entra a far parte della commissione del Fondo di Garanzia per le Idee - Nuove Sensibilità 2.0 del Teatro Pubblico Campano.

Nel 2018 fonda la compagnia Putéca Celidònia con cui porta avanti e sperimenta il suo percorso di drammaturgo e regista.
Con la sua compagnia si occupa anche di formazione teatrale tenendo un corso di teatro gratuito per bambini in due beni confiscati alla camorra nel Rione Sanità, nell’Istituto penale minorile di Nisida, con i richiedenti asilo dello SPRAR/Ex Canapificio di Caserta e sul territorio di Forcella in collaborazione con il Teatro Trianon Viviani.
Dai laboratori sono nate le drammaturgie, in ordine, di: "Non c’è differenza tra me e il mondo", "T’appò munno?" e "Komorebi" firmate da Emanuele D’Errico.

Putéca Celidònia riceve il Premio della Critica – ANCT 2020 e il Premio Neiwiller dall’ARTEC Campania.