Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Jacopo Giacomoni

Sede: Trento
Sito internet:
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Laureato in Filosofia con una tesi sull’esistenza dei personaggi dei romanzi, lavora dal 2013 come performer e dramaturg della compagnia Malmadur, con cui ha creato gli spettacoli 50 minuti di ritardo (coproduzione Fondazione Teatro della Toscana), Homo ludens (in collaborazione con Teatro stabile del Veneto e Fondazione Studi Ricerche Benetton), Starlùc e Lear/Del conflitto generazionale, vincitore del Premio OFF 2013 del TSV.
Nel 2019 si diploma al corso di alta formazione per dramaturg di Emilia Romagna Teatro.
Nel 2021 crea e mette in scena Rapimento - spettacolo per uno spettatore solo in un teatro vuoto per ERT, in collaborazione con SIAE-Per chi crea.
Nel 2020 è finalista a NdN-Network drammaturgia nuova con il testo La più grande tragedia dell’umanità; partecipa al Pergine Festival con la performance in solo Ebbrezza distruttiva di una scimmia cappuccina; è performer di X-machine del Teatro dei servi disobbedienti, finalista al bando Biennale under 30; e scrive il monologo Lludwig W. per Roberto Latini e Kilowatt Festival.
Nel 2016 e nel 2017 recita in due produzioni del Teatro stabile di Bolzano per la regia di Marco Bernardi: La cucina di A. Wesker e Questa sera si recita a soggetto di L. Pirandello.
È stato performer alla Biennale Arte nel 2017 per Echoes di Young In Hong, nel 2015 per Das Kapital Oratorio di Isaac Julien e Mark Nash, e nel 2013 per La voglia matta di Marcello Maloberti.
Per la Biennale Teatro ha partecipato ai college di Christoph Marthaler, Thom Luz, Jan Klata, Letizia Russo e Franco Visioli.
Porta avanti anche la carriera di sassofonista, con una continua ricerca nel campo dell'improvvisazione e del free jazz. Suona stabilmente nel trio Ophir (Sibiu Jazz Festival, Roccella Jazz, Novara Jazz) e nel quartetto PÀN Ã LÉÅKÊ. Come musicista ha partecipato a workshop con Evan Parker, Steve Lehman, Amir El Saffar, Pauline Oliveros ed Elliot Sharp.