Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

SUPERFICIE IN R4

Irene curto
Regia: IRENE CURTO E FEDERICA GARAVAGLIA
Drammaturgia: IRENE CURTO
Attori: IRENE CURTO
Trailer: Link
Anno: 2017

In fisica, con “superficie in r4” si definisce quella superficie ideale nella quale si progettano gli
oggetti in quarta dimensione, altrimenti detti, “oggetti impossibili”.
E se anche noi esseri umani, in qualche modo, fossimo delle geometrie?
Delle forme “impossibili”, in cerca di una definizione, di una rappresentazione tridimensionale
di ciò che in realtà potrebbe essere infinito e multidimensionale…
Cos’è in fin dei conti un’identità?
A cosa ci serve il pensiero, il segno geometrico, la parola stessa, se finiamo con il ridurla in
gabbia, in limite appunto, privo del nostro afflato immaginativo?
La nostra identità è frutto di un processo immaginativo, come l’intera realtà che percepisco?
Domande altisonanti ed esistenziali sviscerate a colpi di versetti e rime baciate che narrano
attraverso lo scorrere di una giornata tipo di una ragazza in pieno dramma esistenzialeadolescenziale
Abbiamo preso la fisica teorica come metafora di una condizione esistenziale, e l’abbiamo
sposata come poetica artistica.
Ad ogni scena apparentemente “reale” e “concreta”, si contrappone un boato dell’inconscio.
Un rigurgito che tuona affermando la sua necessità di dire la sua, di ergersi contro gli
stereotipi di genere e o di una cultura/società svalutante e umiliante che vede il lavoro di un
artisti ancora come qualcosa di poco serio.
La relazione di coppia tramortita dall’insicurezza che arranca e soccombe nel totale
ipercriticismo e giudizio di se.
Il rapporto con una madre che non c’è, che nella sua totale assenza, paradossalmente è rivista
in ogni faccia del pubblico.
E poi l’incubo finale, il rapporto con il corpo, davanti allo specchio.
Con l’immagine di sé appunto e con la consapevolezza di avere nel cervello la possibilità di
cambiare percezione di se stessi, ma allo stesso tempo di vivere l’incubo di essere
completamente incapaci di farlo, di non riuscire dominare la “distorta visione” del reale.
Ma in superficie in r4 non è solo la denuncia sociale o culturale o il delirio mentale a
troneggiare, ma una commossa tendenza ad andare oltre, ad essere l’oltre.
Si vuole parlare di un’altra dimensione appunto, quella dove non c’è solo la disgrazia del
pensiero, ma la grazia dell’immaginazione.
Un inno che pulsa affermando il diritto all’esistenza, all’unicità.
Un mix di stili, dove collidono armoniosamente scenette comiche, dj set post-punk, brandelli
lirici di versi poetici, sfilate di moda, provini, pranzi con la madre, videoproiezioni, dance
floor, cameretta, stati alterati di coscienza.
L’unicità è un mostro ancestrale e primordiale che teniamo educatamente a bada.
L’invito di Superficie in r4 è di far uscire questo mostro, di farlo sanguinare e strabordare.
Superando i limiti preconfezionati di un’identità falsa, ridisegneremo i nostri personali
confini, o forse, non ne avremo più bisogno.
Per fedeltà al tema indagato, Sp4 è uno spettacolo che va aldilà dei generi preconfezionati di
spettacolo.
È un dj set, un concerto trasformista, un coro di voci, una vid

Produzione: IRENE CURTO E LA COMPAGNIA GARAVAGLIA-MILONE

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    una panca
    due microfoni di cui uno ad asta.
    pannello per video proiezione

    Impianto luci
    Luci: fari in quantità sufficiente da fornire illuminazione omogenea e simultanea dell'intera scena. Richiesta possibilità di
    miscelazione colori RGBWA + effetto stroboscopico e controllo DMX (possibilmente via cavo). Il disegno luci è già
    caricato all'interno di progetto sviluppato in ambiente open source (QLC+) compatibile con interfacce DMX/USB
    completo di cue ed utilizzabile come riferimento per trasferimento su altre piattaforme.

    Impianto audio
    Audio: PA proporzionato alla sala, 1 cassa spia, 1 asta microfonica, 1 microfono dinamico Shure SM57 o equivalente, 1
    microfono dinamico Shure SM58 o equivalente, 1 mixer dj o controller equivalente per playback basi con controllo di
    riproduzione e di volume e possibilità di playback simultaneo di 2 o più tracce. Mixer di sala: minimo 2 canali microfonici,
    ingresso stereo per riproduzione basi, mandata ausiliari per cassa spia. Tutte le basi dello spettacolo sono caricate in
    playlist .m3u ed eventualmente disponibili per la riproduzione su software open source (Mixxx)
    Video: 1 proiettore di dimensioni e potenza sufficienti a proiettare sul fondo scena. La compagnia dispone di video pre
    registrati e di webcam con prolunga attiva USB2 da 15m che dovranno essere proiettati durante diversi momenti dello
    spettacolo. L'intera sezione video è già caricata all'interno di software open source (Open Broadcaster Studio) e sono
    controllabili tramite computer senza bisogno di controller specifici

    Tempo montaggio
    40 minuti

    Referente tecnico
    Matteo Mancini
    superficie in r4 è il primo spettacolo della compagnia di Irene Curto. Ha debuttato il 4 dicembre 2018 presso il Teatro Avogaria e il Teatro va Foscari di Venezia.
    La ricerca della compagnia si fonda principalmente sull’ Unione di Musica, originale e edita e parola. Ritmo ed immagine video.