Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Amore Ricucito

Proprietà Commutativa
Regia: Alessandro Federico
Drammaturgia: Anthony Neilson
Attori: Valentina Virando e Alessandro Federico
Trailer: Link
Anno: 2020
Cosa siamo disposti a fare per riparare qualcosa che si è rotto?
In una casa che sembra una scatola da cui non si riesce a uscire, vediamo Abby e Stu, che tentano in tutti i modi di aggiustare una vita labile, che non si risolve, che è piena di sbagli e recriminazioni.
11 pezzi di un’esistenza che supplica di essere messa in ordine, con una crudezza disarmante e un’ironia dissacrante.
Il montaggio dello spettacolo non segue un tempo lineare, ma accavalla e modifica i ricordi.
I due protagonisti passano attraverso ruoli lontani e rapporti crudeli, tanto che lo spettatore sarà costretto a chiedersi, e poi a scoprire, il vero motivo di questo continuo gioco al massacro, fino alla rivelazione finale che ribalterà la visione degli accadimenti.
Uno strappo. Un tentativo e un desiderio folle di ricucire, di ricucirsi, di ricominciare. Uno squarcio che ci porta violentemente dentro le dinamiche più autentiche e feroci che si consumano all’interno della coppia.
Dove inizia l’amore, finisce la libertà?
Il testo dello scozzese Anthony Neilson ci ha permesso di entrare nella vita dei due protagonisti, e di poterla raccontare senza alcuna volontà di giudizio, seguendo i loro continui ridicoli e disperati tentativi di fissare qualcosa che continua a sfuggire. Qualcosa di per sé sbilenco, disordinato, di cui non riescono a trovare la soluzione per quanto ci provino.
Il loro è un grande amore che, nonostante tutto, non si arrende, che li tiene sospesi tra ironia e tragedia, vertici di un pendolo che oscilla tra un sorriso e l’abisso, e non si ferma mai.
In proscenio bottiglie e bicchieri pieni di vino, vogliamo che lo spettatore assista a questo gioco al massacro attraverso il filtro dell'alcool, filtro che condiziona anche i due protagonisti.
Essendo una coppia anche nella vita, abbiamo scelto di aderire completamente alla vicenda, immergendoci nel testo, avvicinandolo per quanto più possibile a quello che siamo noi.
Non vogliamo che lo spettatore assista a uno spettacolo ma che senta che ci stia spiando. Come se si trovasse invisibile dentro casa nostra. Un livello di verità pericoloso, senza rete, che tenta di restare lontano dalla rappresentazione.


Altri crediti: Disegno luci: Davide Rigodanza

Produzione: Proprietà Commutativa - in collaborazione con il Teatro Stabile di Torino

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Alessandro Federico e Valentina Virando nel 2014 fondano la Proprietà Commutativa.
Alessandro Federico è stato diretto da Massimo Castri, Serena Sinigaglia, Filippo Gili, Roberto Valerio, Umberto Orsini. Ha lavorato con il Teatro dell'Elfo, con l'ERT, con il Teatro di Roma.
E' protagonista dello spettacolo "Cous cous Klan" della compagnia Carrozzeria Orfeo, con cui ha ripreso anche lo spettacolo "Animali da Bar" nella Stagione 2019/20.
Ha lavorato con Silvio Peroni nello spettacolo "The Effect" per Kilowatt Festival, attualmente in tourneé con "Coppia aperta quasi spalancata" per la regia di Alessandro Tedeschi con Chiara Francini.
Al cinema ha lavorato con Bellocchio e Mazzacurati, con Sidney Sibilia in "Smetto quando voglio" con Edoardo Leo in "Che vuoi che sia". Con Roan Johnson nei "Delitti del Barlume" per Sky Cinema.
Valentina Virando, diplomata al Teatro Stabile di Torino, nel 2007 vince il Premio Hystrio alla vocazione. Ha lavorato con Valter Malosti, Arturo Brachetti, Mauro Avogadro, Giancarlo Cobelli.
Stefano Benni la dirige nello spettacolo “Le Beatrici” al Festival dei Due Mondi di Spoleto 2012. Con il “Furiosus” di Valeriano Gialli al Festival di Avignone 2011 e con “Sarrasine” di Honoré de Balzac al Festival di Asti 2013.
Nel 2015 diretta da Giuliano Scarpinato nell'Elettra di Hofmanstall al Festival di Segesta. Nel 2016 al Mittelfest e in tournée con Pecore Nere di Stefano Benni, per la regia di Alessandro Tedeschi.
Nel 2020 è diretta da Davide Livermore nel "Bastiano e Bastiana" al teatro Nazionale di Genova.
Il primo spettacolo della Compagnia è una riscrittura del Malinteso di Camus: “Il Male Inteso”. Lo spettacolo nasce dopo una residenza artistica di un mese in un cascinale del torinese.
Lo Spettacolo vince il Premio della Giuria al Premio Nazionale Giovani Realtà del Teatro di Udine 2012, è Finalista alla Rassegna Argot Off Roma 2012, Finalista al Bando Scintille di Asti 2012.
E’ inserito nella stagione 2013-2014 del TPE di Torino.
E' stato rappresentato, fuori dai teatri, in luoghi non convenzionali: un tetto romano, il museo del Borgo Medievale di Torino, il Monte dei Cappuccini, una stanza sotterranea, una cascina.
Il secondo lavoro “3Q-Liberi Esperimenti Politici”
è una drammaturgia originale scritta e interpretata da Alessandro Federico e Valentina Virando.
Vince Facce da palco 2015, il Bando Residenze Creative 2014 al Teatro Garybaldi di Settimo Torinese. Debutta a Roma al Festival del Pigneto ed è nella Stagione del Teatro dell'orologio 2016/17.
Dal 2017 la Compagnia fa parte dell'organizzazione del Torino Fringe Festival, ed è responsabile dei corsi di teatro al Liceo Classico Alfieri di Torino.
Proprietà Commutativa ha collaborato con l'Associazione Anffas per il progetto in sostegno alla disabilità "Nulla è come Appare".
Lo spettacolo "Cliché" è nel cartellone del Teatro Stabile di Torino per la Stagione 2018/2019.
L'ultimo lavoro "Amore Ricucito" ha debuttato - in collaborazione con il Teatro Stabile di Torino - nell'ottobre 2020 nella Stagione del TST.